31 Luglio 2017
15:09

Gli amori di Jeanne Moreau, che conquistò il cuore di registi, attori e stilisti gay

Tutto sulla turbolenta vita sentimentale dell’iconica attrice morta a 89 anni, che amò Truffaut, Malle e Miles Davis, sposò il regista de L’esorcista e fece breccia nel cuore di star gay e bisex.
A cura di Valeria Morini

Nel 1962, la sua Catherine del capolavoro di François Truffaut "Jules e Jim" suscitò scandalo per la sua relazione intima con due uomini in contemporanea: ma l'attrice icona del cinema francese (e non solo) Jeanne Moreau, morta il 31 luglio a 89 anni, è stata una donna libera, modernissima e passionale anche nella vita reale, con due matrimoni (e un solo figlio) e tanti amori celebri e chiacchierati. Il suo fascino anticonformista, con una bellezza lontana dagli standard più accademici, fece breccia nel cuore di tanti personaggi illustri del mondo del cinema, compresi  -curiosamente  – uomini gay o bisex.

Il primo matrimonio, gli amori con Truffaut e Malle

Con François Truffaut
Con François Truffaut

Musa indimenticabile per i registi Louis Malle (in "Ascensore per il patibolo", "Les amants") e François Truffaut (in "I 400 colpi", "Jules et Jim",  "La sposa in nero") la Moreau è stata legata a relazioni amorose con entrambi. Prima ancora, c'era stato il breve matrimonio riparatore con un altro regista, Jean-Louis Richard, celebrato in fretta e furia nel 1949 per l'arrivo del figlio Jérome e finito nel 1951. L'attrice non ha avuto altri figli e i rapporti con Richard sono rimasti buoni, come dimostra il fatto che lui nel 1965 la chiamò per il film "Mata-Hari, agente segreto H21" nel ruolo della seducente spia. Ironia della sorte, lo stesso Richard è stato anche attore in diversi film di Truffaut.

Per lei Tony Richarson lasciò Vanessa Redgrave

La Moreau sembra essere sempre stata particolarmente affascinata dagli uomini dietro la macchina da presa, dal momento che nel 1967 coltivò una storia d'amore con il cineasta inglese Tony Richardson, che la diresse in "E il diavolo ha riso". Una relazione tutt'altro che indolore: per Jeanne, Richardson arrivò infatti a lasciare la moglie Vanessa Redgrave (madre delle sue due figlie Natasha e Joely, poi entrambe attrici). I due progettarono di sposarsi ma il matrimonio non venne mai celebrato. Segretamente bisex da sempre, il regista britannico ha avuto altre relazioni con donne e uomini ed è morto di Aids nel 1991.

L'amore con Pierre Cardin, gay dichiarato, e con Miles Davis

Con Pierre Cardin
Con Pierre Cardin

La Moreau, però, non ha fatto innamorare solo registi. Tra le sue relazioni più importanti c'è stata quella con lo stilista italiano naturalizzato francese Pierre Cardin. Inoltre, è stata legata al celebre musicista jazz Miles Davis, al produttore Raoul Lévy e all'attore e playboy greco Theodoros Roubanis e pare che di lei si invaghirono Philippe Lemaire, Jean-Louis Trintignant e Marcello Mastroianni. Curiosamente, l'amore con Cardin è durato diverso tempo nonostante lui fosse gay. Ne ha parlato qualche anno fa lui stesso a Paris Match:

Ero omosessuale, non avevo rapporti fisici con le donne. Jeanne mi ha sconvolto. Corrispondeva alla mia natura profonda. Era bella come sognavo fosse la bellezza. Sensibile. Intelligente. Una trascendenza. (…) Mi ricordo di un colpo di fulmine, di un legame appassionato durato quattro anni e poi di una separazione che ci ha allontanato per qualche tempo prima di vivere oggi un'amicizia indefettibile.

Il matrimonio con William Friedkin

Infine, nel 1977, la Moreau ha sposato William Friedkin, il grande regista americano noto per "L'esorcista" e "Il braccio violento della legge". Lei è stata la prima delle 4 mogli di lui, le loro nozze sono durate appena due anni e il divorzio è arrivato nel 1979. La Moreau e Friedkin non hanno mai girato film insieme.

Morta Jeanne Moreau, addio all'icona del cinema francese
Morta Jeanne Moreau, addio all'icona del cinema francese
Toni Servillo sarà Berlusconi in Loro di Paolo Sorrentino, la conferma da attore e regista
Toni Servillo sarà Berlusconi in Loro di Paolo Sorrentino, la conferma da attore e regista
Verdone:
Verdone: "Un regista serio incontra gli attori in ufficio"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni