300 CONDIVISIONI
2 Agosto 2013
17:24

Gli sms satirici degli amici di Silvio Berlusconi, prima e dopo la sentenza

La pagina satirica Kotiomkin si è divertita ad immaginare gli sms ricevuti da Silvio Berlusconi, prima e dopo la sentenza. Dagli aforismi di Nichi Vendola alle incomprensioni di Moreno, passando per Francesca Pascale che prende coscienza della differenza di età che intercorre tra lei e l’ex Presidente del Consiglio.
A cura di Daniela Seclì
300 CONDIVISIONI

E' la notizia più discussa del momento. Sia le pagine dei giornali, che il web non parlano d'altro: la sentenza del processo Mediaset, che ha coinvolto Silvio Berlusconi. L'esito della vicenda, ormai, è sulla bocca di tutti. La Cassazione ha confermato la condanna a 4 anni di reclusione per l'ex Presidente del Consiglio e ha rinviato l'interdizione ad altro processo. Il popolo della rete e il mondo della satira, non poteva restare a guardare. Così sin dall'avvicinarsi del momento della sentenza, si sono riversati nel web con tweet e commenti al vetriolo.

Tra tutti, la pagina satirica Kotiomkin, ha stilato la lista degli sms che gli "amici" avrebbero inviato a Berlusconi, la notte prima del verdetto e poi dopo aver appreso la sentenza. Dai consigli di Fabrizio Corona, alle rassicurazioni di Bruno Vespa, ecco gli sms che il laboratorio di satira, si è divertito ad immaginare abbiano costellato la notte precedente al giorno della sentenza:

  • Ti porto sempre dentro di me! In culo alla balena. (Giuliano Ferrara)
  • Pensi davvero che “L’Italia è il Paese che amo” funzioni ancora come inizio? (Matteo Renzi)
  • Ma veramente rischi il carcere? L’ho saputo soltanto ora. (Claudio Scajola)
  • C’è ancora il letto come l’hai lasciato tu. (Vladimir Putin)
  • Mangano poche ore. (Marco Travaglio)
  • Vodafone ti informa che Francesca ha disattivato la promozione You&Me. (Messaggio di servizio)
  • Abbi me. (Emilio Fede)
  • No, arance niente. Mi avanzano solo banane, appena posso te le porto. (Roberto Calderoli)
  • Stai tranquillo, stasera parliamo della depressione da cellulite. (Bruno Vespa)
  • Usa solo sapone liquido. Ripeto, solo sapone liquido. (Fabrizio Corona)
  • La sopraffazione della virtù umana trova disagio nel pertugio angusto dei soffusi sentimenti soffocati_inviato da Aforismi.it  (Nichi Vendola)
  • Comunque vadano le cose, resterai sempre il nostro leader. (Enrico Letta)
  • Fammi sapere a che ora arrivi. (Bernardo Provenzano)
  • Ancora non mi accreditano il bonifico di Luglio. Gentilmente provvedi. (Veronica Lario)
  • A casa tifiamo tutti per te. Un bacio grande anche da zio. (Ruby)
  • Stiamo sulla stessa barca. Ti abbraccio guagliò. (Francesco Schettino)
  • Tranquillo, hai una vita per rifarti. (Nicole Minetti)
  • Vaffanculo! (Beppe Grillo)
  • Vaffanculo! (Angela Merkel)
  • La vedo male. (Maurizio Gasparri)
  • Presidente siamo con te! Saluti da Formentera. (Daniela Santanchè)
  • Avessi preferito che ti avrebbi imprigionato io. Ma va bene anche così. (Antonio Di Pietro)
  • Se te ne vai ora, io chi espello? (Angelino Alfano)
  • Non ti ho cantato io. (Mariano Apicella)
  • La caducità delle virtù umane trova sfogo nel coacervo delle emozioni _ inviato da Aforismi.it (Nichi Vendola)

Ed ecco invece come Kotiomkin ha immaginato gli sms ricevuti da Berlusconi, dopo che si è diffuso il contenuto della sentenza:

  • Minchia zio, troppo bella la sentenza: non ci ho capito una cippa. (Moreno)
  • Dentro di me tu sarai sempre innocente. (Alfonso Signorini)
  • Addio Silvio, c'è troppa differenza d'età tra noi. (Francesca Pascale)
  • L'amore non fa differenze. (Cicciolina)
  • Come sono messi a San Vittore con le barriere architettoniche? (Antonio Guidi)
  • Prch-sll-vsf-lggia P2-mstr! (Maurizio Costanzo)
  • Se giochiamo in casa, ci vieni a vedere? Dai scherzo. (Adriano Galliani)
  • Don't mind boss: scopo anche per te. (Umberto Smaila)
  • Ti tofefi lefare dalle palle come ho fato io, atesso sono kazzi. (ex Papa Ratzinger)
  • POOOPOPOPOPOPOPOOO (Veronica Lario)
  • Atesso fetrai chi è culone chiavabile e chi no. (Angela Merkel)
  • Papà, io ti credo. (Marina Berlusconi)
  • Papà io ti credo.(Piersilvio Berlusconi)
  • Papà, io ti credo. (Noemi Letizia)
  • Nel sussurro dei passi silenti, si avvolge il sudario di un'espiazione sofferta. Un soffio come ossimoro paradossale di una destra ingiustamente genuflessa _ inviato da Aforismi.it (Nichi Vendola)
300 CONDIVISIONI
Veronica Lario chiama Silvio Berlusconi dopo la condanna
Veronica Lario chiama Silvio Berlusconi dopo la condanna
LA CONFESSIONE DI BERLUSCONI DOPO LA SENTENZA MEDIASET
LA CONFESSIONE DI BERLUSCONI DOPO LA SENTENZA MEDIASET
1.771 di revenexquote
Francesca Pascale e Silvio Berlusconi, il bacio dopo la condanna (FOTO)
Francesca Pascale e Silvio Berlusconi, il bacio dopo la condanna (FOTO)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni