"Luca Laurenti è morto nell'ospedale Santa Maria di Terni, dov'era stato ricoverato in condizioni disperate per una caduta dopo un lancio con il paracadute". C'è scritto così su "Il Messangero", ecco appunto: "Il MessaNgero". L'ennesima fake news che colpisce nomi a caso del mondo dello spettacolo al fine di creare sensazionalismo e, soprattutto, vagonate di clic.

Riciclata la notizia della morte di Pietro Taricone

Una morte truculenta, triste e tragica quella immaginata per Luca Laurenti, uno schianto con il paracadute e la morte presso l'ospedale Santa Maria di Terni. Ma qui, oltre al fastidio e al danno alla dieta informativa dei lettori, c'è anche il riciclo di una tragedia vera e propria che sconvolse l'Italia nel 2010: la morte di Pietro Taricone. Ricordiamo tutti che l'attore, grande appassionato di paracadutismo, a causa di una manovra azzardata durante un lancio con il paracadute, morì presso l'ospedale Santa Maria di Terni dopo un delicato intervento chirurgico di nove ore che non riuscì a salvargli la vita. Gli stessi elementi che hanno composto quella tragedia sono stati utilizzati per creare la fake news della morte di Luca Laurenti.

La reazione di Luca Laurenti

La bufala circa la morte di Luca Laurenti ha fatto rapidamente il giro del web con gli utenti che hanno portato la storica spalla di Paolo Bonolis a oltre 200mila ricerche su Google. Laurenti, che dispone di un profilo Instagram ufficiale, non ha ancora replicato a quanto accaduto. Nel suo privato, avrebbe tutta facoltà di ricorrere a gesti apotropaici di ogni sorta. L'attore, oggi 55enne (nato nel 1963), è in ottime condizioni quindi. Ai lettori ricordiamo di non cadere nei trucchi e nei sensazionalismi creati ad arte da siti di dubbia riconoscibilità che, nell'unico scopo di ottenere un pugno di clic, propagano disinformazione e cattivo gusto.