Lo scorso 20 agosto Massimo Boldi aveva lasciato stupiti i suoi fan con un post su Facebook sul Coronavirus. Una riflessione su quanto la pandemia stia cambiando il nostro modo di vivere. "I potenti padroni del pianeta hanno dichiarato guerra a se stessi", scriveva. Parole enigmatiche e a tratti inquietanti, che hanno scatenato parecchi interrogativi tra i fan, che conoscono Boldi per la sua vena ironica e leggera. A distanza di un mese l'attore, che ha da poco compiuto 75 anni, è stato raggiunto dal quotidiano La Gazzetta di Lucca, città in cui vive, e ha spiegato il significato di quelle parole.

Massimo Boldi chiarisce la sua riflessione sul Covid-19

La riflessione enigmatica su quel "Qualcuno che riporti il mondo alle sue origini" ora ha una spiegazione. Massimo Boldi si riferiva all'emergenza sanitaria in corso e a quanto la pandemia abbia stravolto il nostro modo di vivere, di approcciarci agli altri. La paura è che l'essere umano possa abituasi a censurare le emozioni, a ripudiare anche solo un abbraccio o una stretta di mano. E si chiede se sia davvero così necessario:

Il 30 agosto la terza delle mie tre figlie ha compiuto 30 anni e le altre due le hanno regalato un video in cui hanno inserito immagini della madre e scene di vita vissuta da noi tutti. Io ho visto il video il 19 agosto e guardandolo mi sono domandato quale mondo stiamo lasciando ai nostri nipoti. Questo virus sta uccidendo le emozioni e io voglio capire qual è la verità. E' davvero così pericoloso, adesso, da impedire ogni forma di relazione? Allora la mattina del 20 agosto alle 6 mi sono svegliato e ho scritto questo post che ha scatenato il finimondo.

Boldi contro i potenti del mondo sul Coronavirus

Nel post che aveva suscitato diverse polemiche, Boldi tirava in causa "i potenti del mondo" che ci starebbero imprimendo una paura profonda delle relazioni sociali. La sua speranza era che qualcuno o qualcosa potesse impedire il tracollo dell'umanità:

Stiamo vivendo un mondo che NON va per niente bene. I potenti padroni del pianeta hanno dichiarato guerra a se stessi, non importa cosa è accaduto, non basta, vogliono terrorizzare il mondo ancor di più mari, Monti, regioni, stati. Il popolo ha paura, teme la fine di un mondo a loro perfetto così come l’hanno conosciuto, non vogliono tapparsi la bocca con mascherine da Pecos Bill, forse è tempo che ritorni il salvatore dei mondi, si Lui…il supremo, nostro Signore che si manifesti in qualsiasi forma atta a combattere là malasorte è l’indifferenza dei Governi di ogni stato, i padroni del mondo, cacciandoli per sempre dal paradiso terrestre. Lo dico e lo ripeto Ci vuole pazienza e coraggio ma vinceremo ancora dopo 2000 anni.