È triste la notizia che arriva dal Regno Unito e riguarda il cabarettista Ian Cognito, morto nel corso di un'esibizione. Deceduto l'11 aprile a causa di un infarto, aveva 60 anni, parecchi dei quali passati sul palcoscenico. Ed è proprio su uno di questi palchi (quello del The Atic Bar di Bicester), che Cognito si è accasciato improvvisamente, restando seduto su uno sgabello per alcuni minuti prima che il pubblico si accorgesse che non si trattava di parte della performance.

Si sentiva poco bene già prima di salire sul palco

Come ha spiegato il conduttore Andrew Bird, sembra che gli spettatori presenti abbiano continuato a ridere, pensando che il comico stesse fingendo per lo spettacolo. Accortisi che invece qualcosa non andava, due infermieri presenti tra il pubblico lo hanno soccorso ed è stata chiama un'ambulanza, ma i paramedici accorsi non hanno potuto far altro che constatare il decesso di Cognito. Bird, curatore dell'evento Lone Wolf Comedy Club in sala, ha inoltre svelato che Cognito avrebbe ammesso di non sentirsi bene ancora prima dell'inizio dello show: eppure, aveva insistito per salire comunque sul palco.

Aveva scherzato sulla sua morte solo pochi minuti prima

Per una crudele circostanza, per giunta, solo dieci minuti prima Cognito aveva scherzato su una sua possibile morte sul palco. "Immaginate se morissi qui di fronte a voi", aveva detto nel corso di quella che sarebbe stata la sua ultima esibizione. "Tutti in mezzo alla folla, me incluso, pensavano che stesse scherzando", ha dichiarato Bird a proposito dell'improvviso malore, "Anche quando sono salito sul palco e gli ho toccato il braccio, mi aspettavo che lui dicesse ‘Buuh'". Cognito, il cui vero nome era Paul Barbieri, era nato a Londra nel 1958 e si esibiva dalla metà degli anni '80. Con il suo stile iconoclasta, era stato paragonato a comici come Lenny Bruce, Bill Hicks e Jerry Sadowitz ma non aveva mai raggiunto il medesimo successo sui media mainstream. Nel 1999, aveva vinto il Time Out Award per Stand-up Comedy.