Ilary Blasi si traveste da Achille Lauro nella riproposizione sanremese di San Francesco nell’affresco attribuito a Giotto, presente nella Basilica di Assisi. Il personaggio chiave di Sanremo 2020 non ha ispirato solo alcune originali maschere carnevalesche, perfino la moglie di Francesco Totti ne ha fatto un modello. Nel corso di un party a tema, Ilary ha reso omaggio al performer romano, vestendosi come fece Lauro durante la prima serata del Festival e cantando il brano “Me ne frego” del nuovo direttore artistico di Elektra Records. In un video, la conduttrice mima il momento in cui Achille si spoglia del mantello per rivelare la celebre tuta di Gucci che avrebbe dovuto suggerire la la quinta delle ventotto scene del ciclo di affreschi delle Storie di san Francesco, quella in cui il santo rinuncia ai beni materiali per abbracciare la vita con Dio.

La festa di Silvia Blasi, sorella di Ilary

Ilary si è travestita da Achille Lauro per partecipare alla festa di compleanno della sorella Silvia, un party a tema cui ha preso parte insieme al marito Francesco Totti mascherato come Vasco Rossi. Silvia, invece, ha scelto di omaggiare Kylie Minogue nel videoclip della canzone "Can't get you out of my head".

Il grazie di Achille Lauro

Il cantante, in tutta risposta, ha ringraziato per l'omaggio condividendo l'immagine di Ilary Blasi sulle sue storie di Instagram, "inviando" virtualmente alla conduttrice l'emoticon di un bacio. Sembra dunque che Achille Lauro abbia gradito il tributo, peraltro analogo a quello ricevuto a un'altra festa di Carnevale da una famiglia siciliana (papà, mamma e figli, tutti abbigliati come Lauro a Sanremo).

I costumi di Achille Lauro a Sanremo 2020

Achille ha travolto il Festival di Sanremo 2020, portando sul palco look ricercati che citano il mondo dell’arte. L’abito che richiama San Francesco nella prima serata è stato sostituito dall’omaggio a David Bowie durante la terza serata, quando l’artista è salito sul palco con un look ispirato a Ziggy Stardust. Durante la terza serata Achille Lauro ha portato sul palco la Marchesa Casati Stampa, donna anticonformista che fu musa ispiratrice di Gabriele D’Annunzio. La finale ha visto Lauro rendere omaggio a Elisabetta I Tudor, la “regina vergine”.