2 Marzo 2016
16:36

Innocenzi: “Mi offrirei come madre surrogata per un’amica, sarebbe un gesto d’amore”

Giulia Innocenzi ha detto la sua sulla maternità surrogata. Ha spiegato che non avrebbe alcun problema ad aiutare un’amica a realizzare il sogno di diventare madre. Inoltre, ha dichiarato che le madri surrogate non sono “povere vittime da tutelare” se fanno la loro scelta senza condizionamenti di tipo economico o legati alle loro condizioni.
A cura di Daniela Seclì

Nei giorni scorsi, Nichi Vendola e il suo compagno Ed sono diventati genitori del piccolo Tobia. La coppia è ricorsa alla maternità surrogata. Così, in Italia si è acceso il dibattito per stabilire se sia lecita o meno la loro decisione. In queste ore, ha detto la sua in proposito anche Giulia Innocenzi. Sulla sua pagina Facebook si è detta favorevole alla maternità surrogata, ma solo se servisse per aiutare una persona che le sta a cuore:

"Se mia sorella, una mia cara amica o amico, avessero un giorno bisogno della maternità surrogata, mi offrirei. Sarebbe un grandissimo gesto d'amore che arricchirebbe le nostre vite e le nostre famiglie, in continua evoluzione. Ma in Italia non si può. Li mandiamo in un paese asiatico, dove la donna sarebbe effettivamente sfruttata in quanto disperata? Regolamentare è l'unica soluzione!"

"Si sta facendo eccessivo terrorismo"

Intervistata da Vanity Fair, ha approfondito il suo punto di vista. Innanzitutto ha chiarito che "il “terrorismo” che si sta facendo è eccessivo". Quindi ha aggiunto: "In alcuni casi il bambino che la madre surrogata fa crescere dentro di sé è geneticamente figlio di altri, quindi non è che venga strappato alla mamma. Poi io potrei aiutare un’amica, un amico o mia sorella, cioè le persone a me più care, e sarebbe un atto di amore in una grande famiglia. Vedrei comunque crescere il bambino, e sarebbe bellissimo saperlo amato da una coppia felice". A proposito della depressione post partum che alcune madri surrogate avrebbero sperimentato, ha commentato:

"Bisogna metterlo in conto, ma lo deve fare la donna che si sottopone alla maternità surrogata, e che, se davvero può scegliere, libera da esigenze economiche e da imposizioni, non è una povera vittima da tutelare. Le donne sono in grado di decidere per loro e del loro corpo. Certo, è importante che ci siano leggi e regolamentazione, altrimenti si aprono le porte della mercificazione, e in quel caso il discorso è diverso".

Proposta di matrimonio sul palco di una coppia gay: Adele si propone come madre surrogata
Proposta di matrimonio sul palco di una coppia gay: Adele si propone come madre surrogata
1.759 di WebMix
Manda giù lo shot davanti ai genitori, la faccia di sua madre non ha prezzo
Manda giù lo shot davanti ai genitori, la faccia di sua madre non ha prezzo
163 di ViralVideo
L'ultima puntata di
L'ultima puntata di "Una mamma per amica", nel finale Lorelai bacia Luke
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni