Era il 2012 quando Leonardo Pieraccioni pronunciava queste parole in un'intervista a Fanpage. Il regista toscano e Laura Torrisi si sono lasciati nell'ottobre del 2014, dopo una relazione durata quasi sette anni, durante la quale hanno messo al mondo anche una splendida bambina. Una storia d'amore che i fan del regista, così come dell'attrice ed ex Grande Fratello hanno sentito particolarmente, affezionandosi molto a questo binomio tutto toscano. Che purtroppo, un anno e mezzo fa circa, giunse all'epilogo, dopo che per mesi si era parlato di una crisi in corso e dell'ipotesi tutti potesse essere finito. La supposizione è stata poi confermata dalla stessa Torrisi, che mesi fa parlò di una relazione finita da tre anni prima che i due uscissero allo scoperto.

Leonardo Pieraccioni si è sempre dimostrato più pentito della Torrisi per la fine della storia, lasciando quasi immaginare di sentire maggiormente il peso di non aver fatto abbastanza perché continuasse. Qualche mese fa dichiarava "Una come lei non mi ricapita più. Con Laura sono arrivato al venticinquesimo della maratona. E se non sono arrivato in fondo con lei, vuol dire che per me è impossibile". D'altronde l'affetto non sembra essere in discussione, a dimostrarlo la presenza della Torrisi ai funerali del pdre di Pieraccioni, qualche mese fa.

Il regista toscano ha nostalgicamente ricordato Laura Torrisi con uno splendido post su Facebook in cui ha rievocato i grandi bivi della sua vita, situazioni, amicizie, amori, grandi collaborazioni che lo hanno reso il regista e l'uomo di spettacolo che è. Tra questi, naturalmente, il modo in cui scelse la Torrisi per il suo film, quello che poi ha dato inizio alla loro storia d'amore:

[…] Lo “Sliding Doors” più fantastico della mia vita è nel 2007. Perdo il treno, lo perdo come nei film, io corro e lui mi chiude le porte in faccia, vabbè…vado all’edicola, girello, perdo tempo, guardo i giornaletti, il film che stavo preparando parlava di un calendario fatto da una bellissima ragazza, vedo su una rivista la foto di una modella con un costume il cui pezzo sopra è composto solo di una cintura. Compro la rivista la porto a Cordaro, il mio costumista: “guarda che costume incredibile, il pezzo sopra fatto da una specie di cintura e basta, forte! Un mese nel calendario facciamolo con un costume così, ok?”. “Si, si, ok – mi dice lui – sono due mesi però che mi porti foto di come si dovrebbe vestire ‘sta protagonista ma ancora non mi porti l’attrice che li dovrà mettere, ma chi sarà?”. “E che ne so chi sarà – risposi io – certo sarà una bella come questa – dissi indicando la foto – anzi facciamo prima – aggiunsi scherzando – chiamiamo direttamente questa qui così ci abbiamo la protagonista e ci facciamo portare anche il costume della foto!”. La modella della foto era Laura.