24 Agosto 2012
12:13

La “pentita” del Bunga Bunga va in finale a Miss Italia

Chiara Danese è una delle ragazze che si è costituita parte civile nel processo Ruby, adesso è arrivata in finale a Miss Italia: “Ma ho paura che quella storia possa condizionare la mia carriera”.
Chiara Danese è una delle ragazze che si è costituita parte civile nel processo Ruby, adesso è arrivata in finale a Miss Italia: "Ma ho paura che quella storia possa condizionare la mia carriera".

Si è costituita parte civile nel famoso processo Ruby, Chiara Danese che ha sempre dichiarato di temere per la sua carriera sperando "che tutta questa storia non mi danneggi". Non sembrerebbe così, visto che la modella sta partecipando con ottimi risultati alle selezioni finali di Miss Italia a Montecatini Terme. Ma lei, che con l'altra modella Ambra Battilana è tra le "pentite del Bunga Bunga", continua a non vivere la sua professione in maniera tranquilla.

Quella storia me la sono portata dietro anche a Montecatini, non sono momenti che ricordo con piacere.

Alle cene di Arcore lei e la sua amica Ambra hanno raccontato ai magistrati di essere andate via disgustate per quello che avevano visto. Portarsi tutto alle spalle è difficile perché un anno fa proprio da Montecatini Terme cominciò tutto. Solo che la Danese gareggiava con la fascia del Piemonte mentre quest'anno indossa quella della Val d'Aosta. Qualcosa è cambiato!

Chiara Danese a Miss Italia:
Chiara Danese a Miss Italia: "Non sono la pentita del bunga bunga"
Il Bunga Bunga secondo Ronaldinho Fiorello
Il Bunga Bunga secondo Ronaldinho Fiorello
Chiara Danese, la
Chiara Danese, la "Arcorina" che rinuncia al Bunga Bunga
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni