A Riccardo Gismondi va riconosciuto un merito: scegliendo Camilla Mangiapelo è andato controcorrente, puntando sulla corteggiatrice che meno è riuscita a guadagnarsi le simpatie del pubblico. I telespettatori – e i fischi del pubblico in studio sul bacio tra Riccardo e Camilla lo hanno dimostrato – preferivano di gran lunga Martina Luchena, la corteggiatrice che ha abbandonato lo studio in preda all’ira, obbligando il romano a fare una scelta su due piedi.

Martina lascia lo studio e obbliga Riccardo a scegliere

Martina ha rotto gli schemi, ha mandato al diavolo l’uomo al quale aveva smesso di credere e ha salutato frettolosamente i presenti determinata a uscire. Quello sfoggio di personalità non ha potuto fare a meno di lasciare il segno, con Martina che è diventata immediatamente la beniamina degli appassionati del programma. Ci si chiede adesso se, come accaduto per Sonia Lorenzini, anche a lei venga offerto un trono. La Luchena ha dimostrato di avere carattere, forte personalità e la capacità di non piegarsi ad alcun diktat, nonostante la consapevolezza che restando in trasmissione fino alla fine avrebbe fatto il bene del programma e favorito gli ascolti, prestandosi a interpretare il ruolo dell’altra nel corso di una eventuale scelta.

Alzandosi e lasciando lo studio, Martina ha tolto a Riccardo questa opportunità ed è diventata immediatamente la beniamina di quanti hanno rimproverato al tronista di averla presa in giro per tutta la durata del suo trono. Lei, a differenza della rivale – la giovanissima amica di Giulia De Lellis – non ha avuto bisogno di difese arrivate dall’alto, né di interpretazioni a suo vantaggio: voleva ristabilire i ruoli, e ha recuperato la sua dignità facendola pagare al tronista che pensava di usarla. Riccardo ha scelto Camilla ma, anche non volendolo fare, non avrebbe potuto comportarsi in maniera diversa.