Massimo Boldi e Irene Fornaciari, la sua compagna più giovane di 34 anni, fanno sul serio. Al punto di pensare alle nozze. Il comico e attore di tanti cinepanettoni ha conosciuto la 40enne lucchese per puro caso durante un viaggio in treno diversi mesi fa. Un'iniziale amicizia si è trasformata in un sentimento più intenso e ora lui le le ha regalato addirittura un anello di fidanzamento. Ha raccontato Boldi a Oggi:

È un pegno d’amore, questo è certo. Qualche settimana fa grazie ad un amico di Irene, a Lucca, ho trovato quello che volevo per lei. E significa solo una cosa: che l’ho scelta.

Cosa pensano le figlie di Massimo Boldi

"Non me lo aspettavo", ha aggiunto la Fornaciari, sempre sulle pagine del magazine, "E se è arrivato così, significa che lui ha sentito di volerlo fare. Oltre a essere un pegno d’amore rappresenta un impegno reciproco". E dire che il primo anello era stata Irene a regalarlo a Boldi. Stavolta, però, si tratta di un simbolo di una relazione che potrebbe portarli sull'altare. "Ora mi piace pensare di fare progetti con lei. Pensi che quando ho detto alle mie figlie che stavo pensando di sposarla mi hanno risposto sorridendo: ‘Certo papà, perché no?'", ha spiegato l'attore. Dunque, le tre figlie Micaela, Manuela e Marta avrebbero accettato pienamente la relazione del padre.

Nel passato di Boldi il matrimonio con Marisa Selo

È la prima volta che Massimo Boldi parla di nozze, dopo la perdita dell'amata moglie Marisa Selo, mamma delle sue figlie. Con lei, l'attore è stato sposato per quasi 40 anni, dal 1973 al 2004. Quell'anno, il 28 aprile, Marisa è scomparsa, dopo la lotta a una malattia incurabile che durava da un decennio. Per anni, lui è stato convinto di sentire la sua presenza ancora al proprio fianco.

Chi è Irene Fornaciari

Irene Federica Fornaciari: questo il nome completo della fidanzata di Boldi (da non confondere con la quasi omonima cantante e figlia di Zucchero). Classe 1979, ha un negozio di abbigliamento e gioielli a Lucca. Il fratello Leonardo Fornaciari è sindaco di Porcari. L'attorer ha ammesso di aver notato prima la sua bellezza: "Che è una femmina con una bella testa l’ho capito solo dopo. È così vitale".