La comunità di Twitter, un mondo ampio e variegato ma al tempo stesso unito come un grande "famiglia", è in lutto per la morte di Max Conteddu, considerato un “poeta moderno” del web. Il giovane ha perso la battaglia contro un cancro al cervello che stava combattendo da tempo e che aveva raccontato quotidianamente su suo profilo. Il cordoglio si è scatenato con l'hashtag #CiaoMax, condiviso da centinaia di utenti tra cui alcuni personaggi del mondo televisivo.

Il cordoglio sui social

"Che tristezza e che perdita. Un esempio, un amico lontano, un narratore senza paura. Anzi, con la paura come tutti noi. Grazie", scrive Andrea Vianello, giornalista e conduttore recentemente alle prese con un grave problema di salute, un ictus da cui è fortunatamente riuscito a riprendersi. Il pensiero è condiviso dalla collega  LA7 Gaia Tortora: "A proposito di sentinelle e di chi ci rende partecipi della vita. Della sofferenza. Di quanto a volte buttiamo via". E ancora, dal mondo dello spettacolo arriva anche l'appello della ballerina e conduttrice Rossella Brescia: "A tutti quelli che buttano via la propria vita, che Max sia d’esempio per quanto l’ha amata anche nella sofferenza". Iacopo Melio, scrittore che ha fatto della sua disabilità una forza, ha twittato: "Per chi come me ha vissuto gli “anni d’oro” di Twitter, dove ognuno scriveva ancora civilmente per esprimere creatività e emozioni, come flussi di pensieri buoni, oggi se me va una parte luminosa del web". A questi messaggi si uniscono le parole di dolore, tristezza e speranza di tantissime persone comuni.

Chi era Max Conteddu

Massimiliano (Max) Conteddu, originario di Siniscola (provincia di Nuoro) e morto a soli 38 anni, aveva raccontato la sua lotta alla malattia sul suo profilo Twitter @istintomaximo, seguito da oltre 41 mila follower. Un compendio dei suoi cinguettii, inno alla vita, all'amore e all'urgenza di vivere appieno ogni attimo, era confluito in un libro "Le Cinque Chiavi", che raccontava anche "un viaggio in cinque momenti chiave della vita di Alessio, un ragazzo tormentato da se stesso".