I numeri parlano chiaro. Il loro canale Youtube conta 4 milioni e mezzo di iscritti. Si chiamano Luì e Sofì, in arte "Me contro Te" e sono il fenomeno di intrattenimento di punta per i più giovani. Nata sul web, la loro loro avventura li ha portati in televisione su Disney Channel, con un programma per ragazzi in cui squadre di fan tra gli 8 e i 12 anni si sfidano in giochi e abilità per conquistare il titolo di Best Challenger della settimana. I ragazzi li adorano e nei negozi vanno a ruba i gadget del loro merchandising: da una serie di giocattoli dedicati a una linea di abbigliamento. Ora, il salto sul grande schermo, perché proprio oggi 17 gennaio esce nelle sale il loro film Me Contro Te Il film – La vendetta del signor S, che parla proprio di loro due: gli youtubers sperano di essere invitati al concorso che assegnerà il Like Award, ovvero il premio per lo Youtuber più gradito dagli utenti, ma il Signor S, loro acerrimo nemico, è in agguato: vuole accaparrarsi il premio con l’inganno, rapendo i due ragazzi e nascondendoli nel suo laboratorio sotterraneo.

Cosa fanno i "Me contro Te"

Per chi fosse digiuno del mondo di Youtube, occorre spiegare di che cosa si occupano i due ragazzi e perché sono arrivati ad essere così famosi. Il loro percorso è iniziato un po' per gioco proprio sulla piattaforma video con un obiettivo semplice: girare e caricare video divertenti in cui loro sono i protagonisti. I più esperti li chiamano vlog, una sorta di "video – diario" in cui i personaggi, giorno per giorno dal loro canale, raccontano al mondo del web momenti esilaranti della loro vita. Sofi e Luì nello specifico, si rivolgono ad un pubblico di bambini e adolescenti, pubblicando contenuti adatti a quel target specifico, come giochi, sfide, o esperimenti che aiutino i più piccoli a scoprire il mondo che li circonda. Il loro primo video che risale al 2014, ad esempio, è la "Maze Runner Challenge", una sfida ispirata al film fantasy di successo: i due ragazzi si sfidano a disegnare su un tablet un labirinto e ad uscirne nel minor tempo possibile. Tra quelli più cliccati c'è il video sullo Slime, la gelatina malleabile e colorata che fa impazzire i bambini. Sofì e Luì si divertono a crearla, bendati.

Perché sono un vero fenomeno sociale

A prima vista (visualizzazione, per meglio dire) si direbbe che nei loro video non c'è nulla di speciale, eppure va spiegato il loro enorme successo in crescita e la notorietà che stanno vivendo. L'abilità della coppia, e fortuna senz'altro, è quella di aver intercettato una fascia di pubblico ben specifica su Youtube, ovvero quello dei bambini, che stanno approdando in massa sul web e sui social. I Me contro Te danno loro esattamente ciò che vogliono vedere e si propongono con contenuti educativi, senza violenza, senza volgarità, con un modello che risulta quasi di altri tempi se paragonato a quelli a cui i teenagers si ispirano su Youtube. Il loro progetto ha dato vita persino ad un libro, un "activity book" intitolato Divertiti con Luì e Sofì pubblicato da Mondadori Electa, che ha ottenuto un successo clamoroso di vendite: 40 copie vendute in sole due settimane. Questo, probabilmente, piace ai genitori, ed è piaciuto anche alle istituzioni perché alla Camera dei deputati i due youtuber hanno ricevuto il prestigioso premio MOIGE, assegnato dal Movimento Italiano Genitori ai programmi Family Friendly, in quanto il loro canale “risulta particolarmente educativo e la visione dei loro filmati è consigliabile a un pubblico di bambini perché stimola la fantasia”.

Chi sono Luì e Sofì

Sofia Scalìa e Luigi Calagna, questi i loro veri nomi, sono entrambi di Palermo e hanno 21 e 25 anni. I due sono una coppia anche nella vita privata, si sono conosciuti a Partinico e dopo un lungo corteggiamento di Luigi a Sofia, si sono fidanzati dal 2013. Quando hanno iniziato il loro progetto, la ragazza frequentava ancora Liceo Scientifico: all'inizio era un gioco per divertire gli amici, poi ne è nato un mestiere.

So happy! 💘

A post shared by Sofia Scalia | Sofì (@sofi.scalia) on

😍😍😍

A post shared by luigi calagna (@lui.calagna) on

b