La travagliata esistenza di Isabella Biagini, sconvolta dall'ennesimo fatto di cronaca accaduto quest'oggi con l'incendio nella sua casa di Roma, su cui pendeva un intimo di sfratto che sarebbe scaduto domani, non ha conosciuto momenti più duri da quel tristissimo 1999, anno in cui l'ex diva del cinema anni '60 perde sua figlia Monica per un cancro fulminante al fegato. Sono diverse le interviste che hanno provato a tracciare un bilancio del declino di Isabella Biagini, lavori e testimonianze che hanno di certo lasciato qualcosa di meglio rispetto all'immagine sbiadita che appare nello psicodramma minuto per minuto che le trasmissioni di Barbara D'Urso trasmettono.

Tra queste un'intervista di Giancarlo Dotto per "Diva e Donna", trascritta come un lungo flusso di coscienza, a ruota libera, come spesso la Biagini parla anche quando viene chiamata in televisione alla domenica. In quelle sue dichiarazioni, pubblicate dal settimanale lo scorso gennaio, c'è molto della sua vita al capezzale di sua figlia:

Andavo con la bocca a cuore truccata, lei sapeva che se io mi truccavo e andavo a lavorare, voleva dire che lei stava bene. Monica è andata via nel ’99. Da allora fumo tre pacchetti di sigarette al giorno. Da quando se ne è andata mi sento in una fossa di serpenti. Nulla ha più senso, ormai.

La storia di Isabella Biagini a Domenica Live

L'ultima apparizione di Isabella Biagini a Domenica Live proprio domenica scorsa, nella solita intervista ha ricordato il giorno dello sfratto e le sue condizioni di vita precarie. Anche in questo caso, un ritorno sulla malattia di Monica, che non le ha consentito più di pensare alla sua carriera ma di vivere solo per assisterla e provare a salvarla.

Ho la polmonite, oggi però devo fare finta di stare meglio. Nessuno può risolvere niente, il mio fratellastro Luigi mi ha buttato qui dentro dicendo che stava preparando una villa per me con la piscina. Io non avrei avuto nessun motivo per venire da te se non per tirare fuori la verità. Per 50 anni ho fatto casa, bottega e ho assistito mia figlia malata. Il ritiro dalla televisione è stata una mia scelta.

L'incendio a casa di Isabella Biagini

Stando a quanto dichiarato dalla stessa Isabella Biagini, l'incendio divampato nella sua casa di Roma sarebbe stato causato da una sua negligenza. Un incendio innescato forse da una stufa a gas su cui era appoggiata una coperta o di un materasso vecchio. Tutto è accaduto nella tarda mattinata di oggi, mercoledì 14 dicembre, nell'appartamento di via Nomentana 525, al quartiere Montesacro-Valli di Roma.