È TMZ a riportare la notizia, l'ex coniglietta di Playboy Ashley Mattingly si è suicidata. Nel 2011, era stata incoronata Miss marzo dalla nota rivista. I suoi fratelli Christy e Billy, hanno fornito qualche dettaglio in più sulla tragica vicenda al tabloid. La modella si è tolta la vita lo scorso mercoledì. Il suo corpo è stato ritrovato due giorni più tardi nell'appartamento dove viveva ad Austin, in Texas. Prima di compiere l'estremo gesto, Ashley Mattingly ha lasciato un biglietto che è stato acquisito dalla polizia come materiale utile alle indagini.

Il corpo è stato ritrovato due giorni dopo il suicidio

È stato un amico di Ashley Mattingly a rivolgersi alla polizia, dopo aver tentato per due giorni di mettersi in contatto con la modella, che però non gli rispondeva più al telefono. Venerdì, ha chiesto alle autorità di intervenire. A seguito del controllo fatto presso l'appartamento della trentatreenne, la polizia ha trovato il suo corpo privo di vita. Quella della giovane, è stata un'esistenza carica di dolore. È stata vittima di violenza domestica, poi ha dovuto fare i conti con l'incubo delle dipendenze.

La dipendenza da alcolici e da sostanze

Nel 2012, si parlò di lei in quanto vittima di violenza domestica. L'allora fidanzato Lane Garrison, attore noto per avere interpretato David Apolskis nella serie Prison Break, fu accusato di averla picchiata. Negli ultimi due anni, Ashley Mattingly aveva deciso di trasferirsi ad Austin e per combattere la solitudine, aveva adottato un cucciolo di golden retriever che aveva chiamato Miss Jean. Purtroppo anche gli ultimi anni della sua vita sono stati particolarmente travagliati. Mattingly lottava contro la dipendenza da sostanze e dagli alcolici. Tuttavia, sembrava essere risoluta a non cedere e a costruire pezzo dopo pezzo un futuro più sereno. Purtroppo, mercoledì ha messo fine alla sua vita.