La serie tv "Buffy l'ammazzavampiri" continua ad avere fan devoti in tutto il mondo, nonostante si sia conclusa nel 2003. È per questo che la vicenda che ha interessato Nicholas Brendon, ha fatto in poco tempo il giro della rete. Nella serie interpretava il ruolo di Alexander LaVelle Harris detto Xander. Amico di Willow apparteneva alla classica categoria degli "sfigati". La sua vita, però, cambiava radicalmente quando a Sunnydale arrivava Buffy Summers. Il giovane si innamorava perdutamente di lei, che però lo considerava solo un amico. L’attore è apparso in altri telefilm come ”Private Practice” e “Criminal Minds”. Ora lo ritroviamo sotto i riflettori per problemi con la giustizia.

Già nel 2010 si era trovato nei guai. Dopo aver aggredito degli agenti di polizia, venne condannato a 3 anni di libertà vigilata. Venerdì notte è stato arrestato in Idaho. L'attore si trovava nella città di Boise per un evento organizzato dal Comic-Con quando i poliziotti hanno ricevuto una chiamata da un hotel. Erano circa le dieci di sera. Dei testimoni hanno denunciato confusione e disordini all'ingresso della struttura, che sembravano essere scaturiti da una lite tra Nicholas Brendon e alcuni membri dello staff dell'hotel.

Quando le autorità hanno raggiunto il luogo della segnalazione, hanno trovato Brendon che sembrava essere ubriaco. Più volte, infatti, gli agenti gli hanno intimato di mettersi seduto mentre cercavano di raccogliere le dichiarazioni dei testimoni, ma lui si rifiutava di seguire gli ordini. Dopo poco ha tentato addirittura di andarsene, così è stato arrestato per aver opposto resistenza.

Raggiunti da TMZ i poliziotti hanno fatto sapere che l'attore aveva anche rotto un piatto decorativo e avrebbe dovuto rispondere anche per i danni causati ai beni dell'albergo. È stato rilasciato su cauzione diverse ore più tardi. Il suo portavoce ha detto che l'attore è profondamente dispiaciuto per quanto accaduto e vorrebbe chiedere scusa allo staff dell'hotel. Infine, ha aggiunto:

"Sarebbe decisamente d'aiuto, se potessimo lasciarci alle spalle questo fraintendimento e concentrarci su cose più positive."