Eliana Michelazzo è la grande protagonista del gossip del momento. Semisconosciuta fino a qualche mese fa (tranne che a coloro che ricordano la sua esperienza a Uomini e Donne), l'agente di Pamela Prati è entrata di prepotenza nel mondo mediatico, prima con il mistero del matrimonio tra Pamela Prati e Mark Caltagirone, poi con il suo voltafaccia e con la sua clamorosa confessione: "Ho mentito, Mark non esiste. E nemmeno il mio fidanzato Simone Coppi". Mentre appare scongiurata la sua partecipazione al Grande Fratello, Eliana continua a far parlare. Perché, se da una parte la manager di Aicos si è definita a sua volta una vittima del raggiro, dall'altra questa sua nuova versione dei fatti continua a fare acqua da tutte le parti. Lo dimostra un video realizzato dalla stessa Michelazzo, che risale al 25 settembre 2009.

L'annuncio di Eliana dieci anni fa: Mi sono sposata

"In tv ho mentito, non ho mai incontrato Mark Caltagirone. A questo punto credo non esista", ha ammesso Eliana, in un'intervista che verrà trasmessa a "Live – Non è la D'Urso" mercoledì 22 maggio, aggiungendo: "Io sono stata la prima vittima di questo sistema. Da 10 anni ho un fidanzato fantasma, Simone Coppi, solo ora ho aperto gli occhi: mi mandava foto, messaggi, un anello, mi sono tatuata il suo nome. Adesso, ascoltando le storie delle altre vittime, ho capito la verità: non esiste”. Insomma, queste parole lasciano intendere che Eliana, in questo decennio, abbia portato avanti un fidanzamento virtuale, senza mai incontrare direttamente il fantomatico Simone. Peccato che nel filmato di dieci anni fa raccontasse tutt'altro, affermando di essersi sposata e rispondendo a chi – già allora – aveva sollevato dubbi sull'esistenza di Coppi. In quel periodo, del resto, erano circolate persino foto di Eliana in abito da sposa.

Ciao ragazzi, vi devo dare una notizia. Oggi ho deciso di chiudere il forum. So che sarete tutti dispiaciuti, ma ho deciso di vivere la mia vita al di fuori di Internet. (…) Quindi, visto che mi sono sposata e voglio crearmi una famiglia, non mi interessano più tutte le altre cose, ma solo vivere la mia vita. Ho anche visto che qualcuno ha anche dubitato della mia storia, del mio matrimonio, di tutte le cose che ho fatto e che ho detto fino a oggi. Invece questo video è per dirvi che è tutto vero. Sono sempre io che mi collego, non ci sono altre persone. Nessuno mi ha detto niente e faccio di testa mia, proprio perché per ogni tipo di programma o di situazione, la gente crea troppe chiacchiere. Mi sono rotta. Ho 30 anni e preferisco fare qualcosa d’altro. Cercate di capirmi. So che rimarrete male, ma questa è la mia decisione e non cambio idea…

Il tatuaggio per Simone Coppi

Dunque, perché Eliana dice che dal 2009 a oggi ha sentito Coppi solo per messaggi, se dieci anni fa sosteneva di averlo addirittura sposato? E perché, inoltre, farsi un tatuaggio in onore di qualcuno che non si è mai incontrato dal vivo? "Poi volevo dirvi che ho fatto una cosa che mi rimarrà per sempre ed è questo", aggiungeva nel video, mostrando la parola "Simone" impressa indelebilmente sulla sua spalla.

L’ho fatto perché quando ami una persona e ci credi, il tatuaggio rimane per sempre. E visto che comunque qualcuno può dubitare anche di questo, solo perché non si sono viste foto insieme a lui, visto che la mia vita è privata, non faccio vedere foto insieme a lui, e continuerò a farlo. Se capiterà, saranno miei problemi…

Perché Simone Coppi non sarebbe mai apparso in pubblico

Il video non è l'unico tassello di questa storia che ha ormai assunto i contorni dell'incredibile. Scavando nel passato di Eliana, si trova anche un'intervista che rilasciò a Visto, sempre nel 2009. Sostenne di aver conosciuto Simone a luglio di quell'anno e di aver fatto la promessa nuziale appena un mese dopo, raccontando che l'avrebbe sposato in chiesa il 20 dicembre (il filmato di cui sopra risale dunque a dopo la promessa e a prima della cerimonia religiose). Dulcis in fundo, Eliana spiegò a Visto il motivo per cui il sedicente Coppi non appariva pubblicamente:

Simone fa un lavoro di responsabilità a causa del quale preferisce non apparire sui giornali [è un giudice, ndr]. Da settimane sono letteralmente presa di mira dai maligni per questa storia. Per questo motivo ho deciso di chiudere il mio forum internet, di annullare tutte le serate e di non andare più a eventi pubblici. Però, se può zittire la gente, mi sono tatuata il suo nome sul braccio.

Le somiglianze sospette con il caso Prati/Caltagirone

Ancora, nell'intervista succitata, aveva detto: "Quando finisco di lavorare faccio la spesa, torno a casa nostra, e in attesa che il mio Simone torni dal lavoro cucino e metto a posto. La sera stiamo a casa io e lui, ci piace goderci la nostra intimità. Entrambi amiamo molto la buona tavola, così facciamo un sacco di cenette a lume di candela". Una versione totalmente diversa, insomma, rispetto a quella del "fidanzato virtuale". E per giunta, molto simile a quella portata avanti da Pamela Prati nel caso Caltagirone: in entrambi i casi, le due protagoniste parlano di amori fortissimi con uomini che, per ragioni varie, decidono di non esporsi pubblicamente.