Rihanna ha trascinato suo padre, Ronald Fenty, in tribunale. Il motivo? Avrebbe usato il marchio di sua proprietà, Fenty appunto, sfruttando il grado di parentela costruendo un business tutto suo. Questo stando a Tmz, il puntuale sito di gossip americano, che cita documenti del tribunale di cui sarebbe entrato in possesso.

Le ragioni di Rihanna

Stando a quanto dichiarato da Tmz, Rihanna sostiene che suo padre ha recentemente fondato una società che ricerca e sostiene giovani talenti, la Fenty Entertainment. Per Rihanna, c'è un problema. Perché è lei ad aver fondato per prima il marchio "Fenty" per una serie di imprese dedicate al mondo dello showbiz. Per adesso, quello che ha maggiore sviluppo è la linea nota come "Fenty Beauty". Per questo, Rihanna ritiene che suo padre si stia approfittando della forza del suo marchio. Non solo: Rihanna afferma che suo padre avrebbe provato a sfruttare il suo marchio per aprire una catena di resort nella Repubblica Dominicana.

Lo scontro padre-figlia

In questi documenti, Rihanna dichiara che suo padre e un suo socio in affari, avrebbero millantato a persone esterne di essere suoi rappresentanti. Lo avrebbero fatto al fine di organizzare dei concerti in America Latina per una cifra che si aggira intorno ai 15 milioni di dollari, tutto senza la sua autorizzazione. Rihanna avrebbe più volte intimato al padre, via lettere, di smettere ogni attività riconducibile al suo marchio, ma questi ha ignorato ogni avviso. Terminata la pazienza, Rihanna ha deciso di chiedere i danni attraverso un giudice. Stando a quanto rivelato da Tmz, il padre di Rihanna, Ronald Fenty, contattato non avrebbe ancora fornito nessuna replica sulla decisione della figlia di trascinarlo in tribunale. Cosa succederà adesso? Lo scontro tra padre e figlia non è solo una questione generazionale.