"La signora mi ha alzato le mani perché le ho chiesto di indossare la mascherina": inizia così lo sfogo dell'attrice Giulia Elettra Gorietti. La trentaduenne ha avuto uno scontro con una tabaccaia di Roma che, secondo quanto racconta, non si sarebbe attenuta alle norme anti-Covid che prevedono l'uso della mascherina. Gorietti ha pubblicato un video in cui la donna inveisce contro di lei. Poi, è arrivata anche la versione della tabaccaia. Ma andiamo con ordine.

Il video dello scontro tra Giulia Elettra Gorietti e la tabaccaia

Nel video pubblicato da Giulia Elettra Gorietti, si sente la tabaccaia che apostrofa l'attrice: "Grandissima zo**ola" e la voce di Gorietti che replica: "Mi sta menando?". La donna risponde: "Sì, ti prendo a pizze fino a domani mattina testa di ca**o". E Giulia Elettra di rimando: "È venuta così senza mascherina". Poi, la trentaduenne si è allontanata e subito dopo si è sfogata nelle Instagram Stories:

"Ho messo questo video perché se non la riprendevo, continuava ad alzarmi le mani e poi perché io voglio che si veda quello che c'è. Non è possibile che una che è proprietaria di una tabaccheria stia senza mascherina a ricevere la gente, sia lei che la madre che avrà avuto una settantina di anni e alzi le mani chiamando zoc**la o facendo minacce di morte. Una cosa veramente allucinante. Io sono senza parole".

La versione della tabaccaia

La tabaccaia in questione, poi, ha contattato Giulia Elettra Gorietti dando la sua versione dei fatti. Continuando a insultare l'attrice, ha spiegato che la discussione sarebbe nata perché Gorietti l'avrebbe mandata sonoramente a quel paese: "Sei na poraccia, neghi il vaffanc**o e dici che la discussione è nata per la mascherina. Ho anche io la registrazione. Comunque grazie per la pubblicità". Poi, anche la figlia avrebbe contattato l'attrice: "Fai ridere. Pensa a quanto sei arrogante. Menomale che abbiamo le telecamere nel negozio. Falsa, sei un'arrogante". Giulia Elettra Gorietti ha concluso il discorso, ribadendo la sua versione:

"Non capisco il senso di inventarmi qualcosa che non è vero se esistono le telecamere e di pubblicare i loro messaggi. Forse li avrei nascosti i messaggi se fosse stato così e comunque anche l'avessi mandata a fan**lo, questo non giustifica il tutto. Invece che smetterla sperando che non li denunci, ottengo insulti. Inoltre se io denunciassi, sarebbero obbligati a consegnare il filmato intero dove mi alza le mani e mi minaccia di morte. Detto questo, chiudo questo capitolo sui social perché una volta denunciato il fatto pubblicamente, non voglio dare altra visibilità. Inoltre, questa ignoranza abbruttisce".