Roberta Bonanno fece la sua prima apparizione in televisione nel 2008, quando partecipò ad Amici, come cantante. Da quel momento la sua carriera nel mondo della musica e della televisione è stata piuttosto altalenante, fino all'arrivo nel programma di Rai, Tale e Quale Show. Ma ci sono alcuni aspetti della sua vita privata, piuttosto intimi, che ha affrontato con grande determinazione e coraggio e di cui ha parlato in un'intervista rilasciata al settimanale OK Salute e e Benessere, dove ha riferito di aver dovuto combattere con l'epilessia ed episodi di bullismo.

Il rapporto con l'epilessia

Un'adolescenza non semplice quella che ha dovuto affrontare Roberta Bonanno che, ancora ragazzina, ha dovuto fare i conti con una malattia delicata da gestire come l'epilessia. I suoi malesseri sono diventati sempre più frequenti, fin quando, con l'aiuto di un medico, non ha deciso di intraprendere delle cure che hanno man mano diminuito questi episodi in cui la malattia prendeva il sopravvento, finché intorno ai sedici anni, ogni sintomo è scomparso:

A 13 anni ero sensibile alle luci: svenivo a casa davanti alla tv e a scuola guardando lo schermo del pc. Ho preso i farmaci finché, a 16 anni, il problema è scomparso. Il neurologo mi ha prescritto un farmaco antiepilettico da assumere tutti i giorni. Al rientro a scuola, però, non ho avuto vita facile.

Gli episodi di bullismo e la rivincita sulla malattia

Eppure, quegli anni in cui frequentava ancora la scuola, non sono stati semplici, anzi,il fatto di dover prendere dei medicinali e le conseguenti reazioni che aveva dopo l'assunzione, l'hanno portata ad avere dei problemi con i suoi compagni di scuola. Questo racconta la cantante: "Non solo il farmaco mi causava effetti collaterali come sonnolenza e calo dell’attenzione, ma i rapporti con i miei compagni di classe si sono trasformati in una tragedia. Oltre al danno, anche la beffa: in quel periodo infatti sono stata vittima di bullismo". Ma nonostante quegli anni le facciano venire alla mente dei momenti difficili, Roberta Bonanno non si è mai persa d'animo e ha voluto lanciare un messaggio di incoraggiamento a tutti coloro che si sono trovati a dover affrontare anche gli attimi più bui della malattia con la quale, però, si può imparare a convivere:

Io sono stata fortunata, ma ci sono persone che soffrono di attacchi epilettici che rendono la loro vita davvero molto complicata e che rischiano, in certi casi, di farsi anche male. Io consiglio alle ragazze e ai ragazzi ai quali dovesse succedere di scoprirsi epilettici di non angosciarsi, di non badare al giudizio degli altri e di affrontare con fiducia il percorso che è necessario seguire. Io  sono la dimostrazione che da questa malattia si può guarire.