Alcuni giorni fa, Rocco Pietrantonio ha annunciato la fine della sua relazione con Claudia Boldi. In un'intervista rilasciata al settimanale "Chi", ha spiegato di aver attraversato un periodo difficile, che lo ha portato a vagare per Milano per quattro giorni, a dormire in macchina e farsi la barba nel bagno della stazione. Poi ha deciso di tornare a Bari. L'intervista era corredata da alcune foto, che lo ritraevano in posa vicino ad un senzatetto. Le immagini hanno creato grande polemica. La prima ad esprimere la sua critica è stata Selvaggia Lucarelli, che sul suo profilo Facebook ha commentato:

"Allora. Non è accanimento ma giuro che quando ho visto queste foto su Chi (segnalate da un sacco di gente) non ci potevo credere. La Madia in confronto è robetta. Rocco Pietrantonio, ragazzo anche simpatico ma famoso per essere stato prima con Lory Del Santo e poi con la nipote di Boldi, uno insomma che il tornio non l'ha mai provato, racconta con vaghezza di aver passato 4 giorni allo sbando dopo la rottura con la Boldi. E lo fa con un bel posato in cui con outfit impeccabile, valigia pitonata e fotografo al seguito, sorride all'obiettivo con i clochard della stazione centrale sullo sfondo. Come se la sua vita avesse qualcosa in comune con i disperati dietro di lui, con la gente che magari ha lavorato una vita ed è caduta in disgrazia, con chi non vede più una prospettiva, finiti loro malgrado su una foto patinata di Chi. Io non so cosa stia accadendo a Signorini, ma la sensazione è che il giornale ormai vada in stampa con l'approvazione di Tina Cipollari, non certo la sua."

Poco dopo, Rocco Pietrantonio le ha risposto:

"Selvaggia Lucarelli, tu sei fortunata. Nella vita hai un lavoro serio. Leggi di altri, parli di altri e ogni tanto ci regali qualche perla di tuo figlio minorenne che da grande chissà se sarà contento di come hai messo alla berlina la sua infanzia tra social storie. Anche a me stai simpatica. Ricordo mentre zappavi la terra per finta con Clemente Pernarella in un reality, oppure quando limonavi sui giornali prima con Morgan, poi con Gene Gnocchi, poi con un giocatore di basket, poi con Maurizio l'ex bodyguard della Hunziker. Dimenticavo: Io ho sposato una Boldi, tu hai fatto un figlio con un Pappalardo. Ma siamo così diversi? Io oggi non ho un euro in tasca e la valigia era finta. Comunque se ti sto simpatico, accetto volentieri una mano anche da te. Ma dubito, tu la mano la usi solo per giocare con le vite degli altri perché la tua non dev'essere così divertente. Ancora mi ricordo quando con dignità non avevi un euro nemmeno tu e chiedevi aiuto a persone tue amiche, eravamo allo stesso tavolo quel giorno. Ecco io ora sono in quella situazione è per colpa mia sia chiaro."

Pio e Amedeo criticano Rocco Pietrantonio

Anche Pio e Amedeo hanno criticato il servizio fotografico di "Chi". Sulla loro pagina Facebook hanno scritto:

"Uno è davvero un povero senzatetto, quello a fianco è un poveretto senza vergogna. ‪#‎roccocomecaz**sifa‬"

Rocco Pietrantonio si è difeso anche in questo caso. La sua risposta è stata:

"Cari Pio e Amedeo, giudicate, giudicate. Ma non sapete che abbiamo una cosa in comune. Io ho spiegato perché ho fatto un articolo documentando come, purtroppo, ho vissuto alcuni giorni della mia vita. Se c'è stato cattivo gusto mi spiace, ma non cambia il concetto perchè quella è la verità relativa alla mia storia non bellissima. Lo so. Voi però non vi siete resi conto di una cosa. Ora fate gli attori al cinema, bravi, ma non avete mai raccontato la verità su come siete arrivati al cinema. Pensa che CHI mi ha fatto l'articolo è la stessa persona che mi ha raccontato tutta la vostra verità. Tutta. Dalle vostre risse per strada, alle serate, al pranzo dove vi ha detto ‘voi ora farete un film'. Ma il paradosso sta nel fatto che CHI ha aiutato me, ha aiutato voi anche dandovi un tetto a Roma. Sapete bene di che parlo fenomeni. Sapete tutto. Ma questa è un'altra storia e voi siete due galantuomini vero? Devo aggiungere altro? Proprio tutto? No dai. Lascio a voi la parte dei giudici. Spero di rivedervi prima o poi a Le Iene. Abbraccio."