Oggi, 29 novembre, Ylenia Carrisi avrebbe compiuto 48 anni. La figlia di Al Bano e Romina Power scomparve a 23 anni nei primi giorni del 1994, in circostanze mai chiarite. Una lunghissima indagine portò alla fine alla dichiarazione di morte presunta, anche se ancora oggi spuntano periodicamente nuove teorie e ipotesi sulla sua sparizione. Chi continua a credere che sia ancora viva è mamma Romina, che oggi ha voluto ricordarla con un commosso omaggio social. "Buon compleanno, dolcezza mia, dovunque tu sia", è il semplice messaggio della Power, a corredo di una foto che la mostra insieme a un'Ylenia ancora giovanissima.

Il divorzio di Al Bano e Romina dopo la scomparsa

Lo scorso gennaio, nei giorni intorno all'anniversario della scomparsa, la stessa Romina aveva rivolto un appello pubblico in nome delle tante ragazze che ogni anno scompaiono da New Orleans, coma accadde alla figlia: "Come a ogni inizio dell'anno, ancora una volta chiedo a me stessa: dov'è Ylenia?". Se la cantante forse non ha mai perso davvero le speranze di ritrovarla, sembra avere un parere diverso Al Bano, che nel 2013 ha presentato istanza di dichiarazione di morte presunta della figlia Ylenia al tribunale di Brindisi. Nel frattempo, il dolore aveva creato una ferita insanabile che ha portato i due cantanti al divorzio.

Chi era Ylenia Carrisi

Figlia primogenita della coppia (che ha avuto anche Yari, Cristel e Romina), Ylenia nacque a Roma il 29 novembre 1970. Come personaggio televisivo, è nota per essere stata valletta nella prima edizione di La ruota della fortuna, condotto da Mike Bongiorno. Inoltre, nel 1983 recitò una parte nel film Champagne in paradiso di Aldo Grimaldi con protagonisti i suoi genitori. Nel 1987 esordì come cantante in duetto con la madre nel brano "Abbi fede" dell'album "Libertà!".

Il caso Ylenia Carrisi

La sparizione di Ylenia ancora oggi nasconde molti interrogativi. Partita dall'Italia con il proposito di fare un viaggio in solitaria, arrivò prima in Belize e poi a New Orleans. L'ultima telefonata alla famiglia risale al 31 dicembre 1993, quando in Italia, causa fuso orario, era già il 1 gennaio 1994. Il primo sospettato della sua scomparsa fu il trombettista di strada Alexander Masakela, che venne però rilasciato per mancanza di prove. Nella lunga inchiesta, l'ipotesi più accreditata è quella secondo cui la Carrisi sarebbe la ragazza che una guardia di sicurezza vide una ragazza gettarsi nel fiume Mississippi. Il mistero è tuttora tale e la verità, probabilmente, non sarà mai scoperta.

Happy birthday, my sweet one, wherever you are ❤

A post shared by Romina Power (@rominaspower) on