64 le primavere, una quantità sconfinata di successi all'attivo, concerti in tutto il mondo con tour trionfali che solcano oceani, imitazioni non quantificabili, (quella di Valerio Scanu compresa), i numeri di Stevie Wonder potrebbero essere tanti, ma oggi se ne aggiungono alcuni di non poco conto: tre, per quel che riguarda il numero di gemelli di cui la sua compagna Tomeeka Robyn Bracy, già diventata mamma per Wonder lo scorso anno, è in attesa; a questo si aggiunge il fatto che i tre nuovi arrivi dei prossimi mesi sono esattamente il nono, decimo e undicesimo figlio per la star della musica mondiale.

E' uno Stevie che non potrà dunque permettere di fermarsi per quanto riguarda il suo lavoro, vista l'incombenza di altre bocche da sfamare. La vita sentimentale della star è decisamente turbolenta, visto e considerato che i figli sono arrivati da cinque donne differenti. Il primo negli anni settanta, dalla sua segretaria Yolanda Simmons, si trattava di Aisha, alla quale Stevie dedicò la sua canzone più celebre "Isn't she lovely?". Seguirono tutti gli altri, in mezzo ai quali si fanno notare i due matrimoni falliti, un altro numero da non sottovalutare della vita privata dell'artista. Insomma, nonostante un'età che non sia più quella di un ragazzino, voci che circondano Wonder lo descrivono come davvero pronto a darsi completamente alla responsabilità di curare i figli e non abbandonare nessuno di essi. Una schiera di creature che attraversa almeno tre generazioni e che certamente colora l'immagine pubblica di Wonder con un elemento di non poco interesse. Naturalmente, il super impegnato cantante, vincitore di 25 Emmy e addirittura un premio Oscar, potrà essere presente in via limitata, visto che il suo prossimo tour partirà a breve e prevede dieci tappe in tutta America, con partenza da New York.