393 CONDIVISIONI

Tiziano Ferro al gay pride: “Temevo che Dio non mi accettasse. Amate e non abbiate paura”

Il 25 giugno, a Latina, si è tenuto il Lazio Pride, manifestazione per far valere i diritti di gay, lesbiche e trans. Tiziano Ferro è intervenuto tramite un intenso videomessaggio, nel quale ha parlato del suo percorso, fatto di dolore, di fede e del timore di non essere accettato.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Daniela Seclì
393 CONDIVISIONI
Immagine

Tiziano Ferro è un artista che da sempre riesce ad emozionare il pubblico, non solo con il suo enorme talento ma anche con la grande sensibilità. Ieri, sabato 25 giugno, in piazzale Gaetano Loffredo a Latina, si è tenuto il ‘Lazio Pride‘, manifestazione per far valere i diritti di gay, lesbiche e trans.

Tiziano Ferro non ha potuto prendere parte all'evento per via di alcuni impegni lavorativi, ma si è detto orgoglioso della sua città di origine. L'artista ha voluto essere presente con un breve messaggio (vedi video in alto), nel quale ha letto una pagina del suo diario.

"Buonasera Latina, gli impegni mi portano altrove, ma in una serata così importante dedicata ai diritti civili e all'amore, volevo dire la mia leggendo alcune righe del mio diario. L’amore chiama amore. Nelle mie canzoni l’ho sempre scritto, eppure non me ne rendevo veramente conto. È come se, per anni, avessi chiesto a tutti di amare e di amarsi incondizionatamente. Come fosse una missione, come se sperassi che ci riuscissero almeno gli altri, non riuscendoci io. E dietro ogni canzone c’era un piccolo avvertimento: l’amore per non finire male, per non finire soli, per non finire… come me".

Tiziano Ferro al Lazio Pride: "Per anni ho pregato Dio, Lui ama tutti"

Tiziano Ferro ha parlato anche del conflitto vissuto in prima persona e del ruolo della fede nel ritrovamento della serenità: "Quale Dio mi ha concesso il miracolo di non vedermi più come il mio peggior nemico? Credo sia stato il mio Dio, quello che ho pregato con fede per anni, nonostante il timore che il primo a non accettarmi per quello che sono fosse Lui. Il Dio che non ho mai smesso di interrogare, sforzandomi di credere che – qualsiasi cosa dicano gli altri – Lui ama tutti, sempre e comunque, vittoriosi o sconfitti, felici o disperati".

Tiziano Ferro: "Racconto tutto il mio dolore a chi oggi sta soffrendo"

Infine, ha dato un consiglio a chi sta affrontando il suo stesso percorso: "Oggi vorrei dire a chi sta male di non aver paura, oggi vorrei prendere tutto il dolore che mi sono portato dentro e raccontarlo a chi è soltanto all’inizio di questo cammino e sta soffrendo. Gli spiegherei che ci vogliono tempo e pazienza… e poi ancora tempo e ancora pazienza. Perché non siamo tutti uguali, ed è bene così, e ognuno va avanti a modo suo, con i suoi tempi e i suoi modi. È vero, imparare ad amarsi è difficile e auguro a tutti di riuscirci. Perché il mondo ha bisogno di fede. Il mondo ha bisogno di amore. E l’amore è di tutti. Grazie Latina".

393 CONDIVISIONI
Tiziano Ferro al gay pride della sua città: "Orgoglioso della mia Latina, sempre più"
Tiziano Ferro al gay pride della sua città: "Orgoglioso della mia Latina, sempre più"
La vita parallela di Tiziano Ferro, produttore di successo delle voci più amate
La vita parallela di Tiziano Ferro, produttore di successo delle voci più amate
Nancy Brilli litiga con un vigile al gay pride di Roma
Nancy Brilli litiga con un vigile al gay pride di Roma
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views