Un amore che ha resistito alla prova del tempo, alle tentazioni, perfino alla naturale ritrosia di Valentino Rossi nel parlare di sentimenti. È forte il legame con Francesca Sofia Novello, sua compagna dal 2016, prima in segreto, per assecondare il desiderio del campione di proteggere la sua privacy, poi ufficialmente. In un’intervista al Corriere, Valentino parla della sua compagna, la donna accanto alla quale ha scelto di fermarsi. E lo fa, forse per la prima volta, tralasciando la laconicità che lo contraddistingue quando a finire sotto la lente di ingrandimento è la sua vita privata.

Il rapporto tra Valentino Rossi e Francesca Sofia Novello

Qual è il segreto di Francesca, cosa la distingue dalle altre donne bellissime che hanno occupato la vita di Rossi? È lui stesso a spiegarlo: “È che ci siano trovati, abbiamo caratteri simili, è una donna votata al buonumore, è positiva, si impegna da matti per risolvere un problema. Mi pare proprio una buona spalla. A nessuno dei due piace litigare. Quando vai a dormire e il mattino successivo tutto procede bene, vuol dire che la qualità del rapporto c’è, funziona”.

Francesca Sofia Novello e Valentino Rossi
in foto: Francesca Sofia Novello e Valentino Rossi

Chi è Francesca Sofia Novello

Francesca è una modella milanese, classe 1994. È diventata nota soprattutto in funzione della lunga relazione con Valentino Rossi ma non ha mai cercato la popolarità. Schiva e riservata, tende ad assecondare i desideri del compagno quanto a protezione della loro bolla personale. Studentessa universitaria, ha realizzato il suo primo shooting quando aveva appena 16 anni, forte di una bellezza travolgente che le ha consentito, lo scorso anno, di calcare il palco del Festival di Sanremo per volere del conduttore e direttore artistico Amadeus. È rimasta celebre la gaffe commessa da Amadeus in conferenza stampa, durante la presentazione di Francesca. “Questa ragazza molto bella, che ovviamente sapevamo essere la fidanzata di un grande Valentino Rossi, è stata scelta da me perché vedevo, intanto la bellezza, ma la capacità di stare vicino a un grande uomo stando un passo indietro malgrado la sua giovane età”, disse di lui il direttore artistico del Festival, provocando il primo caso mediatico di quell’edizione.