Wanna Marchi e Stefania Nobile insegneranno a diventare perfetti venditori. E pazienza se il loro talento è costato alla più famosa teleimbonitrice e a sua figlia un periodo di carcere. A partire dall'8 gennaio 2020, come sponsorizzato sul loro profilo Instagram, la Marchi e la Nobile terranno la prima masterclass del loro nuovo corso online di comunicazione. "Potrai imparare tutte le tecniche che abbiamo appreso nel corso di anni ed anni di televisione", sostiene la pagina web dedicata, "Con il nostro corso avrai l'opportunità di scoprire ed imparare tutte le migliori tecniche comunicative nel mondo delle vendite". Il corso costa 29,99 euro.

Cosa fanno oggi Wanna Marchi e Stefania Nobile

Insomma, fallita la possibilità di tornare in televisione (nel 2017, venne bloccata la loro partecipazione all'Isola dei Famosi), la controversa coppia formata da mamma e figlia tenta di rientrare nel mondo delle vendite. Parallelamente, però, hanno deciso di lasciare l'Italia. Wanna Marchi e Stefania Nobile si sono infatti trasferite a Tirana, in Albania, dove hanno aperto alcuni locali. "Molti dimenticano che noi da anni facciamo ristorazione, ma in Italia per ‘le Marchi' lavorare era diventato difficile. Siamo ‘marchiate'. Così, d'istinto, ho detto a mia madre di venire che avremmo ricominciato qui”, raccontava la Nobile a maggio, "Le abbiamo provate tutte per non lasciare il nostro Paese, ma nessuno offre lavoro alle ‘Marchi'. Una sera eravamo senza benzina sulla via Emilia e senza soldi, un'altra volta non riuscivamo a fare la spesa. Da qualche parte dovevamo ricominciare ed eccoci qui".

Le condanne e il carcere

Era il 2009 quando la Corte di Cassazione confermava in via definitiva le condanne a 9 anni e 6 mesi di reclusione per Wanna Marchi e a 9 anni e 4 mesi per la figlia Stefania Nobile, per associazione a delinquere e truffa aggravata, cui si è aggiunta l'anno dopo la condanna per bancarotta fraudolenta. Al centro, le discusse televendite di prodotti cosmetici ed in seguito esoterici, accusate di truffare gli ascoltatori. La Marchi ha ottenuto la semilibertà nel 2011 e ha finito di scontare la sua pena nel 2015, mentre la Nobile ha passato solo alcuni mesi in carcere prima di essere ricoverata per problemi di salute e passare ai domiciliari, per poi tornare completamente libera nel 2013.