È un fiume in piena Angelina Jolie, che parla per la prima volta dopo il divorzio da Brad Pitt. Il peggio è passato, i rapporti sembrano buoni anzi ottimi visto che a Vanity Fair ci ha tenuto a specificare che "ci interessiamo ancora l'una dell'altro". Non solo questioni di affetti ma anche grattacapi dovuti alle condizioni di salute dell'attrice, da sempre attenta come dimostra il doppio intervento al seno per i caratteri ereditari del tumore che colpì e uccise sua madre. L'attrice è stata colpita dalla paralisi di Bell, una paralisi del nervo facciale che ti costringe a non muovere più un lato del viso. L'attrice è riuscita a curarsi e a sconfiggere la paralisi grazie all'agopuntura.

Che cos'è la paralisi di Bell

La paralisi di Bell è una paralisi del nervo facciale che sopraggiunge dopo una serie di sintomi che, in alcuni casi, sono simili a quelli dell'ictus o dell'ischemia. È questo lo spavento maggiore, ma nella maggior parte dei casi si riesce a guarire completamente, anzi è accertato che la maggior parte di chi ne soffre riesce a guarire completamente in sei mesi. Il problema è che nelle prime 48 ore si verifica una totale perdita del controllo dei muscoli facciali e l'aspetto del viso va a modificarsi.

Un tumore cererale, un ictus e anche la malattia di Lyme possono manifestarsi sotto forma di paralisi, ma nel caso in cui nessuna causa viene specificata in una di queste malattie, questa condizione è chiamata con il nome di paralisi di Bell. A paralizzare il viso è lo stesso virus dell'herpes zoster e quello della mononucleosi. Molto spesso l'occhio del lato colpito non si può chiudere completamente, per questo motivo è bene proteggersi dalla secchezza. La cornea potrebbe danneggiarsi e, in alcuni casi, i portatori di protesi dentarie potrebbero soffrire disagi. Non è il caso di Angelina Jolie, per fortuna, che è riuscita a guarire grazie all'agopuntura.