21 Giugno 2015
17:53

Angelina Jolie in un campo profughi in Turchia: “Siate tolleranti con i rifugiati” (FOTO)

L’attrice, in qualità di ambasciatrice per le Nazioni Unite, è volata in Turchia insieme alla figlia Shiloh, per visitare il campo profughi siriano di Midyat, vicino a Mardin, nel sud est della Turchia. Angelina ha regalato così un grande messaggio ai governi e a tutta l’umanità: “Bisogna essere aperti e tolleranti con i rifugiati, persone costrette a scappare e che non potranno mai più tornare a casa”.
A cura di Valeria Morini

Angelina Jolie regala ancora una volta una grande lezione di umanità e impegno sociale. Da anni ambasciatore per l'UNHCR, la sezione delle Nazioni Unite che si dedica alla tutela dei profughi delle guerre, la star di Hollywood ha celebrato nel migliore dei modi la Giornata Mondiale del Rifugiato che si è tenuta ieri, 21 giugno. Insieme alla figlia Shiloh, Angelina è volata a Mardin, in Turchia: dopo un breve tour della città con la bambina, è arrivata in visita ufficiale nel campo profughi di Midyat. Collocato nell'area sud-occidentale del Paese, accoglie ogni giorno moltissimi rifugiati in fuga dalla guerra che sta devastando la Siria ormai dal 2011, una situazione ora resa ancora più diperata dalla presenza dell'Isis. Si calcola che siano almeno 2 milioni i profughi in furia dalla nazione, di cui ben 1 milione e mezzo sono ospitati nella vicina Turchia. Accompagnata dall'Alto Commissario delle Nazioni Unite Antonio Guterres, la Jolie ha incontrato il Presidente Erdogan e, in conferenza stampa, ha descritto con parole toccanti la drammatica situazione del confine siriano:

Mai prima d'ora così tante persone erano espropriate e spogliate dei loro diritti umani. C'è un'esplosione di sofferenza umana, siamo arrivati a un livello mai conosciuto prima. Come comunità internazionale, stiamo cercando di affrontare le cause che stanno alla radice di flussi di profughi.

L'attrice, da sempre sensibile all'argomento (celebre l'episodio in cui non trattenne le lacrime al ricordo delle vittime di Srebenica nel 2014) ha quindi invocato una maggior tolleranza nei confronti di chi è spinto a lasciare le proprie case per sfuggire a morte, violenze e fame. Un messaggio rivolto ai potenti dell Terra, ai governi e a tutta l'umanità, che non riguarda solo la terribile situazione siriana ma, più in generale, tutti i popoli costretti alla fuga, come dimostra l'attuale situazione degli sbarchi di profughi in Italia.

La gente sta scappando dai luoghi da cui è costretta a farlo, bisogna essere aperti e tolleranti con coloro che non potranno mai più tornare alle proprie abitazioni.

A dimostrare che Angelina non è una diva come tutte le altre, è anche la scelta di portare con sé la figlia dodicenne Shiloh, in un viaggio che prevede tappe in diversi campi profughi (prima della Turchia, sono state in Libano). Per la figlia di due star idolatrate e ricchissime come Brad Pitt e la Jolie, stare lontana per qualche giorno dal dorato mondo sarà una lezione di vita incommensurabile.

Angelina Jolie visita i bambini profughi in Myanmar, con lei anche il figlio Pax
Angelina Jolie visita i bambini profughi in Myanmar, con lei anche il figlio Pax
Angelina Jolie - Le foto di scena
Angelina Jolie - Le foto di scena
140.836 di Spettacolo Fanpage
Angelina Jolie e Brad Pitt pronti ad adottare un bambino siriano di due anni
Angelina Jolie e Brad Pitt pronti ad adottare un bambino siriano di due anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni