Angelo Sanzio denuncia nel corso di un’intervista rilasciata a TPI i presunti messaggi ricevuti da un profilo Instagram che risponde al nome di Mark Caltagirone, il sedicente imprenditore che l’8 maggio scorso avrebbe dovuto sposare Pamela Prati. Angelo faceva parte dell’agenzia Aicos Management di Eliana Michelazzo, agenzia che ha raccontato di avere lasciato prima di essere contattato sui social. Oggi ha reso noti i messaggi presumibilmente ricevuti diversi mesi fa, disponibili sul sito che ha pubblicato l’intervista.

I messaggi arrivati ad Angelo Sanzio

Sanzio sostiene di avere ricevuti tali messaggi il 6 marzo scorso. Sostiene di essere stato contattato per un motivo preciso: “Semplicemente perché facevo parte come artista della Dreaming srl, sempre riconducibile alla Perricciolo e alla Michelazzo, e pochi giorni prima di quel messaggio di Caltagirone avevo mandato una lettera per risolvere il mio contratto con loro. Per tre motivi. Uno: mi chiedevano somme maggiori rispetto a quelle pattuite sui cachet per le mie ospitate in tv. Infatti, il mio avvocato ha provveduto a fare una diffida a quell’agenzia per chiedere le somme indebitamente trattenute, tra l’altro aspetto ancora le fatture di quegli importi trattenuti. Due: non ero soddisfatto di nuovi lavori che avrebbero dovuto trovarmi come artista. Tre: Una volta mi hanno fatto sfuggire l’occasione di un’ospitata in studio retribuita per non aver contattato in tempo la produzione”. Oltre ai motivi in questione, Angelo sostiene di essersi reso conto che la sua immagine sarebbe stata utilizzata per una campagna pubblicitaria senza il suo consenso: “Ho saputo che hanno utilizzato il mio volto attraverso una foto per promuovere un prodotto di cui non avevo nulla a che fare”.

La denuncia

Sanzio sostiene di avere denunciato l’autore dei messaggi in questione al fine di capire chi si nasconda dietro questo profilo: “Sono stanco di tutta questa storia. Ma sono anche intimorito: voglio sapere chi c’è dietro quel profilo. Chi c’è dietro quel profilo che ha avuto in modo improprio il mio numero personale di cellulare. Ho molta paura”. Avrebbe inoltre interrotto ogni contatto con Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo, agenti della Prati.