video suggerito
video suggerito

Arrestato lo stalker di Mila Kunis, scappato dal centro di salute mentale

Mila Kunis può stare tranquilla: l’uomo condannato in passato per stalking è stato arrestato nuovamente dopo essere fuggito dal centro di igiene mentale dove era detenuto.
1 CONDIVISIONI
LOS ANGELES, CA - APRIL 16: Actress Mila Kunis attends the Burberry "London in Los Angeles" event at Griffith Observatory on April 16, 2015 in Los Angeles, California. (Photo by Chris Weeks/Getty Images for Burberry)
LOS ANGELES, CA – APRIL 16: Actress Mila Kunis attends the Burberry "London in Los Angeles" event at Griffith Observatory on April 16, 2015 in Los Angeles, California. (Photo by Chris Weeks/Getty Images for Burberry)

Tirerà un sospiro di sollievo l'attrice Mila Kunis. Il suo stalker, infatti, è stato arrestato nuovamente dopo essere fuggito dalla struttura di salute mentale dove era stato mandato in seguito alla condanna per stalking all'attrice americana. Sono stati giorni di panico per la ragazza, visto che Stuart Lynn Dunn era riuscito a fuggire sabato sera, e restando nascosto per svariati giorni. Questa mattina, però, la Polizia di Los Angeles lo ha arrestato nuovamente come comunicato dal portavoce dello Sceriffo.

L'uomo era riuscito a fuggire dall'Olive Vista Behavioral Health Center a Pomona scavalcando una finestra del bagno e oltrepassando anche il recinto di filo spinato che cingeva la struttura. Lynn Dunn è stato un incubo per l'attrice de ‘Il cigno nero' e fu arrestato nel 2012 per essersi intrufolato nel condominio vacante dell'attrice. Non contento, fu arrestato nuovamente qualche mese dopo, quando fu preso fuori la palestra della Kunis dove la stava aspettando da tre giorni violando l'ordine di restrizione.

Tutto rientrato nella normalità, quindi, per la ragazza che ha sposato pochi mesi fa il collega Ashton Kutcher da cui, nell'ottobre scorso, ha avuto il figlio Watts.

1 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views