15 Dicembre 2015
18:38

Briatore: “Nathan è fortunato a essere mio figlio, a 30 anni non starà sui libri”

Flavio Briatore parla del figlio Nathan Falco. Ad appena 5 anni, già frequenta una prestigiosa scuola nella quale, oltre alle materie di base, studia già diverse lingue. Ma il marito di Elisabetta Gregoraci assicura: “se non vorrà fare l’Università, non lo costringerò. A 30 anni non dovrà stare ancora sui libri”.
A cura di Stefania Rocco

Nathan Falco, figlio di Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore, è un bambino fortunato. Lo assicura il padre che, orgoglioso del suo bambino, si dichiara pronto ad assecondare ogni sua inclinazione futura. Autoritario come nei racconti di mamma Elisabetta, Nathan è il pupillo di famiglia ma, per il suo futuro, Flavio ha già le idee ben chiare. Intervistato da “Il giornale”, il celebre imprenditore assicura di essere pronto a spingere il suo bambino in qualunque direzione voglia prendere. Obbligarlo a stare sui libri, qualora non dovesse esservi particolarmente portato, sarebbe solo un inutile spreco di tempo:

Se dovessi scegliere, preferirei sempre essere figlio di Flavio Briatore… Sì, gli direi proprio così: “Figlio mio, credo che tu sia fortunato ad essere mio figlio”. Bisogna spendere tanto tempo con loro, e il primo bagaglio importante da offrire ai ragazzi è la conoscenza delle lingue. A mio figlio spiego sempre quanto sia fortunato: qui a Monaco, a scuola, la mattina parla francese, al pomeriggio inglese, a casa italiano. Non so a che livello siano oggi le scuole italiane, però dubito che i ragazzi possano uscirne bene

Ma rispetto al suo futuro da studente, Briatore ha le idee chiare. Nathan, che è ancora figlio unico, non dovrà fare nulla per il quale non si senta portato:

Non lo sforzerò se non vorrà fare l'università. Non vorrei trovarmelo a 30 anni ancora con i libri sotto braccio. Vorrebbe dire che ha perso 8-10 anni di opportunità lavorative. Gli dirò che si deve andare nei Paesi dove conta la meritocrazia e non c'è la burocrazia che abbiamo qui. Perché è là che trovi le opportunità. Tanto, qui o altrove, la fatica sarebbe uguale. Solo che all'estero l'opportunità arriva per davvero. Dove? Dico Stati Uniti che sono sempre quelli che sanno ripartire. E Africa, dove ci sono opportunità enormi.

Flavio lo ha anticipato: Nathan avrà dalla sua la fortuna di chiamarsi “Briatore”.

Ecco cosa significava 30 anni fa essere un DJ
Ecco cosa significava 30 anni fa essere un DJ
155 di ViralVideo
30 ANNI - il sabato sera
30 ANNI - il sabato sera
62.264 di theJackal
Amedeo Goria sull'ipotesi di un figlio da Vera Miales: "A 68 anni non me la sento di essere papà"
Amedeo Goria sull'ipotesi di un figlio da Vera Miales: "A 68 anni non me la sento di essere papà"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni