Elena Santarelli replica a una utente, presumibilmente  un fake, che ha postato un commento terribile sotto uno degli ultimi video pubblicati su Instagram. Nel filmato la showgirl si allena, dedicandosi alla cura della sua forma fisica. Dal profilo in questione, che risponde al nome di tale Giulia, arrivano poche parole infelici: “Sempre a metterti in mostra. Goditi questi momenti perché certe cose possono ritornare”. Parole che trasudano cattiveria e che fanno riferimento alla vicenda privata della Santarelli, con il tumore contro il quale il figlio Giacomo è riuscito a vincere.

La replica perfetta della Santarelli

Elena ha risposto in prima persona. Ha raccontato che il profilo in questione commenterebbe in maniera perfida molte delle sue foto, tranne quelle scattate con il marito Bernardo Corradi: “Giulia, sempre se ti chiami così, mi sei mancata nel fine settimana. Come mai nelle foto con mio marito non scrivi? Non minacci? Non hai le palle, vero? Lo capisco”. Poi si addentra nella natura del commento in questione, rimarcando con forza la differenza tra l’educazione ricevuta dal figlio Giacomo e quella che caratterizza certi leoni da tastiera:

Se è per questo si può uscire di casa e avere la peggio in molte situazioni. Non esiste solo il tumore, parola che tu non riesci a scrivere. Ti saluta anche Jack e ti augura tanta salute. Sei anche di insegnamento: mio figlio legge il tuo messaggio e poi si guarda con la sua mamma allo specchio e si rende conto di quanto è bello e sano a non essere come te. Mio figlio sa che non si augura il male a nessuno ma sa anche che esistono le persone come te quindi noi saltelliamo per casa felici di essere delle brave persone.

Giacomo ha vinto il cancro

Il piccolo Giacomo ha vinto da qualche tempo la sua battaglia contro il cancro. Dopo un ciclo di terapie durate circa due anni e un serie intervento chirurgico, è finalmente tornato a guardare alla vita con il sorriso, carico di aspettative per il futuro meraviglioso che vivrà. Accanto a lui, da sempre, mamma Elena e papà Bernardo Corradi che hanno affrontato questo calvario restando uniti. E che ne sono usciti con le spalle ancora più larghe di quanto fossero in passato, larghe abbastanza da non considerare nemmeno certe brutture.