Dopo l'ingresso come "Nip" nel "ranch" del Grande Fratello 2019, Daniele Dal Moro è diventato a tutti gli effetti un concorrente ufficiale dell'edizione numero 16 reality: sin dai primi istanti di celebrità, il giovane veronese non è passato inosservato per via del suo fascino e del fisico palestrato. Curiosità, è già passato (seppur brevemente) da Uomini e Donne ed è anche figlio di un deputato del PD.

Chi è Daniele Dal Moro

Nato il 4 luglio 1990, Dal Moro proviene a Verona, lavora nell’azienda di pubblicità e marketing di famiglia e ha una sorella di 19 anni. Ha aperto un’attività nel campo finanziario insieme a un amico. All'ingresso al GF si è presentato così: "Vivo da solo da quando aveva 17 anni. Non ho avuto molte donne, non sono un donnaiolo". Eppure, ha provato a cercare la compagna ideale a Uomini e Donne, dove corteggiò Sonia Lorenzini per poche puntate (curiosamente, insieme a Gennaro Lillio, altro concorrente del GF 2019).

Il padre è Gian Pietro Dal Moro

Anche se si è reso indipendente giovanissimo, Daniele ha un bel rapporto con i genitori. La mamma è un'imprenditrice mentre il padre opera nella politica. Quest'ultimo è Gian Pietro Dal Moro: è stato presidente dell'agenzia in cui lavora anche Daniele, ma ha abbandonato l'attività in seguito alla sua elezione a parlamentare. Insieme a Massimo Cacciari e Achille Variati è stato tra i principali fondatori del Associazione Insieme per il Veneto. Dopo aver militato nella Margherita, nel 2009 è stato nominato da Enrico Letta capo della sua segreteria politica. Deputato della Repubblica Italiana nel collegio Verona – Vicenza – Padova – Rovigo, è stato componente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e quindi Presidente Nazionale della Commissione di Garanzia del Partito Democratico.