24 Gennaio 2013
13:10

Corona in tribunale a Lisbona: “Voglio farmi giudicare qua con i diritti umani”

Con le manette ai polsi Fabrizio Corona è arrivato in tribunale a Lisbona e ha dichiarato di voler essere giudicato in terra portoghese “con i diritti umani”.
A cura di Eleonora D'Amore
fabrizio corona estradato

"Temo per la mia vita nelle carceri italiane", con questa frase Fabrizio Corona aveva in parte motivato la trasferta a Lisbona prima mentre la polizia italiana era sulle sue tracce per notificargli la condanna a cinque anni per estorsione al calciatore Trezeguet. Consegnatosi spontaneamente in Portogallo, stamattina è stato portato in tribunale per essere giudicato dalle autorità del posto ed è apparso per la prima volta di fronte ai giornalisti. Sguardo basso verso le manette strette ai polsi, sigarette in bocca fumata compulsivamente, Corona è riuscito solo a dire: "Chi scrive che ho pianto, lo querelo. Voglio farmi giudicare qua da cittadino libero e con i diritti umani!". L'udienza fissata per le 10.30 pare procedere molto a rilento e virare verso l'ipotesi dell'estradizione immediata.

Parla Carvalho, amico di Corona:
Parla Carvalho, amico di Corona: "I miei avvocati faranno di tutto per tenerlo a Lisbona"
La polizia precisa:
La polizia precisa: "Sapevamo da sabato che Corona fosse a Lisbona"
Nina Moric in aula per il divorzio:
Nina Moric in aula per il divorzio: "Di Corona non parlo, proteggo Carlos"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni