Pamela Prati ha confessato: nell'intervista rilasciata a Verissimo, in onda sabato 25 maggio, ha ammesso di non aver mai conosciuto di persona il fantomatico Mark Caltagirone, sostenendo di essere stata plagiata da Eliana Michelazzo e Pamela Perricciolo e convinta a frequentare a livello virtuale una persona che in realtà non esiste. A questo punto, per chi ha seguito il caso di gossip più clamoroso della recente storia italiana, la domanda è una sola: la Prati è davvero una vittima o è una complice? Non ha dubbi l'amico Cristiano Malgioglio, che in un'intervista ad Adnkronos ha raccontato il suo punto di vista sulla vicenda, rivolgendo un appello al pubblico: perdonare Pamela.

Quello che ha fatto e hanno fatto a Pamela trovo che sia terribile, ha preso in giro i telespettatori ma, visto che siamo amici da tanti anni, chiedo agli italiani di perdonarla, ha bisogno di aiuto perché è molto fragile psicologicamente. È una persona meravigliosa caduta in un circuito perverso.

I primi dubbi di Malgioglio

L'opinionista del GF ha raccontato il suo marginale coinvolgimento nella storia, dall'enigmatico invito alle nozze allo strano atteggiamento della Prati nei suoi confronti: "Ultimamente mi aveva chiamato e mi disse che le sarebbe piaciuto entrare nella casa del ‘Grande Fratello' per fare una sorpresa ai ragazzi, mi disse che voleva cantare ‘Dolceamaro' ma io le risposi che doveva chiedere ai produttori, agli autori e a Barbara D'Urso, non a me. Poi, avendo letto i giornali, le chiesi: ‘Ma allora ti sposi?', e lei mi rispose di sì ma quando le chiesi il giorno buttando un numero a caso e lei rispose ancora di sì, a quel punto iniziai ad avere dei dubbi". Dubbi accresciuti dal giallo sulla partecipazione di matrimonio:

Le ho anche chiesto di mandarmi la partecipazione. Lei mi disse di averla già spedita ma nella mia casella di posta trovai una sola partecipazione, quella del matrimonio di Eva Grimaldi con Imma Battaglia. Quando poi iniziò a scoppiare il caso di questo Mark Caltagirone scrissi un post su Instagram dove dicevo, tra le altre cose: ‘Che fine ha fatto la Pamela che conosco io? Sei dentro una ragnatela e bisogna aiutarti a uscirne urgentemente, non meriti questo'. Poi scrissi anche che qualora non avesse avuto un legale, avrebbe potuto rivolgersi alla Bernardini de Pace. Dopo sono partito per Istanbul per lavoro e quando sono rientrato ho trovato un sacco di sue chiamate, forse per i post che avevo pubblicato su Instagram.

Pamela e Cristiano non si sono più sentiti

A quel punto, Malgioglio avrebbe deciso di prendere le distanze: "Comunque ho preferito non risponderle perché dopo quello che avevo letto non sapevo cosa dirle". Amici da molto tempo, lui e la Prati non si vedono da due anni perché vivono in città diverse, lui a Milano e lei a Roma. Nonostante tutto, il paroliere è solidale con la showgirl, e non si capacita delle ragioni che l'hanno portata ad accettare di mentire in televisione: "Quello che posso dire è che mi fa tenerezza, è caduta in un vortice più grande di lei e non credo che sia accaduto, come scrivono in molti, per tornare in auge perché Pamela è una bella donna e non ha mai smesso di lavorare'‘.

Una canzone per Mark e Pamela?

Malgioglio mette in guardia i giovani dagli "amori virtuali" che potrebbero celare truffe. Poi scherza:  "Se Almodovar conoscesse tutta questa storia ne farebbe un film da premio Oscar, magari con Mark Caltagirone interpretato da Javier Bardem. Io nel mio piccolo sto pensando di scrivere una canzone dedicata a Mark e Pamela". Pur deluso dall'amica, non vuole infierire su di lei:

Anche a me ha mentito, avrei potuto aiutarla e questo mi dispiace perché sono un uomo molto sensibile. Pamela ha sbagliato, ha preso in giro in telespettatori e deve chiedere scusa ma non me la sento di condannarla.