La relazione tra Asia Argento e Fabrizio Corona parte decisamente in salita. Da quando la coppia è uscita allo scoperto, complici gli scatti pubblicati dal settimanale ‘Chi', non ha avuto pace. La prima a criticarli è stata Daria Nicolodi, madre della regista e attrice. Nell'intervista rilasciata alla rivista di Alfonso Signorini, la Argento aveva già chiarito di non godere del suo appoggio: "Anche mia madre mi ha detto: “Non fidarti di lui”, però, che cosa devo fare?". In queste ore, lo scontro si è acuito.

Daria Nicolodi commenta la coppia Corona – Argento

Daria Nicolodi ha pubblicato la foto che ritrae il bacio tra Asia Argento e Fabrizio Corona, commentandola con queste parole: "Due signori di mezza età con felpa e cappuccetto che si baciano…un po' inguaiati e inguaianti". A quanto pare, la figlia – alla vista del commento della madre – l'avrebbe contattata spiegandole che sulla testa non aveva un cappuccio bensì una sciarpa. E poi l'avrebbe insultata pesantemente.

Asia Argento avrebbe insultato Daria Nicolodi

Daria Nicolodi, che già nelle scorse ore aveva chiesto a Asia Argento di non essere tirata in ballo nella sua relazione con Fabrizio Corona, ha pubblicato un messaggio che avrebbe ricevuto dalla figlia. Nel post pubblicato su Twitter si legge: "Mia figlia Asia Argento mi scrive: la mia era una sciarpa non un cappuccio. Fai schifo. Sei una donna pessima, madre già lo sai, una fallita, sola nel mondo. Torna nel tuo dimenticatoio. Ora hai veramente esagerato. Fottiti tr**a".

La replica di Daria Nicolodi

Daria Nicolodi ha replicato pubblicamente al messaggio che sostiene di aver ricevuto dalla figlia. In un successivo cinguettio su Twitter ha scritto: "Più tr**a di voi lo spero, che siete così innocenti". Poi ha invitato Asia Argento ad affidarsi alle cure di uno specialista: "Un periodo in clinica non ti guasterebbe. Siamo tutti preoccupati per te". Quindi ha preferito mettere fine alla questione: "Lasciamo perdere la volgarità di mia figlia, mi spiace tanto per lei che solo un mese fa voleva trasferirsi da noi".