Desirèe Maldera è stata investita dall’ennesima polemica partita sui social. Nota influencer, ex protagonista di Temptation Island e amica di Francesco Chiofalo, è diventata mamma da meno di un mese. Come accade di solito alle sue coetanee, anche la Maldera usa i social per lavoro. È solita utilizzare i suoi profili su Instagram e su Facebook per documentare quanto accade quotidianamente nella sua vita. Qualche ora fa, la giovane ha postato una foto che mostra sua madre, alle prime ore del mattino, dare il biberon al nipotino. Desirèe ha commentato divertita quel momento: “Quando la tata ha due giorni liberi e tuo figlio lo lasci da tua mamma”. Tanto è bastato perché qualche mamma intervenisse pubblicamente contro di lei.

L’ennesima polemica social

Un’utente, che ha ammesso di non seguirla e di essere atterrata sul suo profilo solo per commentare la foto in questione, ha scritto: “Dovresti farla riposare quella povera donna e pensarci tu a TUO figlio. Le nonne devono fare le nonne e le mamme le mamme. E tu tutto fai tranne questo. Poi farle una voto e riderci su… sei patetica”. La polemica nasce da due correnti di pensiero differenti, punti di vista opposti l’uno all’altro che da sempre diventano terreno di scontro tra mamme. E non è la prima volta che accade e che la polemica ha per oggetto la Maldera.

Le repliche al vetriolo di Desirèe

L’influencer, quanto scrive sui social lo dimostra, non presta attenzione alcuna a tutto ciò che è “politicamente corretto”. Vive liberamente la sua vita di donna agiata senza curarsi – e perché dovrebbe? – di filtrare le informazioni che comunica all’esterno. Qualche tempo fa, quando parlava sui social di allettamento, aveva ammesso di avere scelto consapevolmente di non allattare suo figlio. Altro argomento delicato che, però, non aveva mancato di scatenare la furia di quella fascia di mamme che sembrano ritenere il mancato allattamento alla stregua di un crimine contro l’umanità. “Il ciuccio fa male, toglilo” le hanno scritto in un’altra occasione, dopo avere visto una foto in cui il suo bambino ne utilizzava uno. “Lui può” rispose spazientita. Come darle torto?