Elena Sofia Ricci tornerà presto in televisione con la quinta stagione di "Che Dio Ci Aiuti", in onda su Rai1 dal 10 gennaio 2019. L'attrice ha raccontato al settimanale Tv Sorrisi e Canzoni le sue impressioni sulle riprese che sono state per lei difficili, segnate da un duplice lutto: la morte della madre e quella di un amico fraterno, l'attore Ennio Fantastichini, morto lo scorso 1° dicembre.

Le parole di Elena Sofia Ricci sulla madre

Elena Sofia Ricci, oggi 56enne, ha rivelato che le riprese della quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" erano già iniziate da circa 15 giorni quando la madre è stata ricoverata in una clinica, dalla quale però non è più uscita.

Le riprese erano iniziate da 15 giorni quando mia madre è stata ricoverata in una clinica. Non è mai più uscita. Era una figura importante. Era orgogliosa di me. “Durante la sua malattia ho fatto con lei l’unica cosa che so fare decentemente, cioè recitare. Tenendola all'oscuro del male che aveva e rimbambendola solo di belle notizie.

La morte di Ennio Fantastichini

La morte di Ennio Fantastichini, a soli 63 anni, è una notizia che ha sconvolto il mondo del cinema e della televisione italiana. Elena Sofia Ricci aveva un grande rapporto con l'attore morto a Napoli, stroncato da una grave emorragia cerebrale conseguenza di una leucemia acuta.

Il 2018 è stato esaltante dal punto di vista professionale, ma emotivamente pesante sul fronte privato. Alla morte di mia madre si è aggiunta quella del mio amico Ennio. Con lui ci conoscevamo da 36 anni, eravamo molto legati. Ci chiamavano: i fratelli diversi.

Ennio Fantastichini ed Elena Sofia Ricci hanno condiviso numerose esperienze sul set, tra tutte ricordiamo "Mine Vaganti", film del 2010 per la regia di Ferzan Ozpetek.