20 Ottobre 2018
23:08

Elodie Di Patrizi: “Mi sono staccata da Emma perché mi terrorizzava l’idea di dipendere da lei”

Elodie Di Patrizi si è raccontata in una lunga intervista rilasciata a Vanity Fair. La cantante ha parlato del rapporto con i suoi genitori, dell’amore ritrovato in un ragazzo originario di Lecce e della collaborazione interrotta con Emma Marrone. Elodie, infine, ha svelato il significato della croce tatuata sul braccio.
A cura di Daniela Seclì

Elodie Di Patrizi si è raccontata sulle pagine di ‘Vanity Fair'. La cantante ha rilasciato un'intervista molto intima nella quale ha parlato del rapporto con i suoi genitori, del ragazzo di cui è innamorata e di uno dei suoi tatuaggi più significativi. Elodie è tornata con la mente anche al rapporto con Emma Marrone, con la quale ha avuto modo di condividere una parte del suo percorso professionale. Poi, però, hanno preso strade diverse: "Sentiva la mia inquietudine, era la mia coperta di Linus. Ma io non sono abituata ad appoggiarmi a lungo, e mi terrorizzava l’idea di dipendere da lei, confondendo stima ed emulazione. È stato difficile staccarmi, ma dovevo volare senza paracadute. Le resto grata, e siamo comunque legate".

Dopo la rottura con Lele Esposito, Elodie è fidanzata con Luca

Come i fan della coppia già sanno, Elodie Di Patrizi e Lele Esposito si sono lasciati. I due si erano conosciuti nella scuola di ‘Amici' ma dopo qualche tempo hanno deciso di rimanere amici. Attualmente, la cantante è fidanzata con Luca. Restia a parlare della sua vita privata, ha preferito non fornire ulteriori dettagli sulla sua identità: "Sì sono innamorata di un ragazzo di Lecce, Luca. Non pubblicizzo, ma è generoso, passionale, balliamo insieme e ci stiamo piacendo sempre più. Il calore è fondamentale, il freddo è frigidità, non sentire, morte".

Il rapporto con i genitori

Elodie Di Patrizi ha parlato anche della sua famiglia. I suoi genitori che definisce "interessanti, nel bene e nel male" non hanno mai tentato di mostrarsi ai suoi occhi come se fossero impeccabili supereroi. La madre, secondo quanto racconta, probabilmente non era ancora pronta per occuparsi di lei: "Mia madre, modella delle Antille francesi con origini africane e indiane, mi ha avuta da mio padre, italiano e musicista di strada, giovanissima: non era pronta, e mi è mancata. Severità assente del tutto, al suo posto friabilità da cristalleria. Perse se stessa, a un certo punto. Verniciava dal niente pareti di azzurro. Scompariva, non si faceva trovare. Aveva come un mostro invisibile dentro che le faceva fare cose che mai avrebbe voluto, e stava male, e non riusciva a scacciarlo via. Ho provato a starle vicino, a rincorrerla nei suoi abissi, in quelle stranezze euforiche e complicate da cui non mi ha mai protetta".

Il significato della croce tatuata

Crescendo, Elodie ha compreso sempre di più quanto fosse importante prendere la decisione di dedicarsi a se stessa. Per ricordare quel momento di transizione della sua vita – che è coinciso anche con l'ingresso nella scuola di ‘Amici' – si è tatuata una croce sul braccio, che indica il coraggio di lasciarsi il passato alle spalle per attuare una rinascita: "È il tatuaggio di una croce semplice, a scandire il passato sepolto, quel rinascere piano. Mi licenziai dai lavoretti che avevo, un po’ modella e un po’ barista, per provare a non morire di fame cantando. Iniziai in alcuni locali, temendo il giudizio del pubblico, coi tremori alle gambe e ai muscoli del viso. Una sera uno mi dice: ‘Manda una mail alla redazione di Maria. Che hai da perdere?'. In effetti, niente. Fu un'onda d'urto terapeutica".

Elodie, Rambla, Nero Bali, Emma, Lele: la cantante risponde alle domande di Google
Elodie, Rambla, Nero Bali, Emma, Lele: la cantante risponde alle domande di Google
Elodie si racconta dopo Nero Bali e Rambla:
Elodie si racconta dopo Nero Bali e Rambla: "Nessun problema col gossip, Emma? Ci sentiamo ancora"
Elodie Di Patrizi risponde alle critiche sul suo abbigliamento
Elodie Di Patrizi risponde alle critiche sul suo abbigliamento
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni