Fabrizio Corona non tornerà in carcere. La sentenza del Tribunale di sorveglianza di Milano è arrivata poco fa, subito notificata all'imprenditore attraverso i suoi legali. Immediata la reazione social di Corona, attraverso una serie di Stories in cui lo vediamo esultare per la sentenza, aggiungendo che presto sarà fornita la sua personale versione dei fatti sugli ultimi, clamorosi, accadimenti. Corona si mostra anche mentre festeggia con gli amici in una serie di video. Queste le sue parole:

Quando si è nel giusto, e si è convinti di aver fatto le cose bene, col cuore e con la testa, pensando agli obiettivi importanti (la famiglia, mio figlio, il recupero), si è tranquilli. Ai processi chiedevo solo datemi ciò che è giusto. Oggi mi è stato quel che è giusto. Ringrazio la magistratura di sorveglianza e quelli che mi hanno accompagnato in questo percorso. Grazie per avermi dato la libertà e permesso di continuare il mio percorso fuori dal carcere e di accompagnarmi in questi ultimi anni di pena, in questo percorso che – sono sicuro – farò nel modo giusto. Ora possiamo tornare a scrivere la Storia.

La replica alle accuse di aver finto la lite in diretta con Ilary Blasi

Perché la magistratura milanese voleva riportare in carcere Corona? Alla base della richiesta, una serie di presunte violazioni agli obblighi dell'affidamento terapeutico, soprattutto in merito ad alcune ospitate televisive sfociate in situazioni definite "rissose". Il riferimento è in particolare alla furibonda lite con Ilary Blasi al GF Vip. Nelle ultime ore, però, ulteriori aggiornamenti hanno mescolato le carte in tavola. I difensori di Corona avrebbero dichiarato in una memoria depositata agli atti che “l’intervento in trasmissione e la querelle con Ilary Blasi erano frutto di un accordo al fine di incrementare gli ascolti di una trasmissione che non stava dando i risultati sperati”. Insomma, la lite sarebbe stata una pura finzione. L'avvocato Chiesa, ai microfoni di Fanpage.it, ha per il momento rifiutato di rilasciare ulteriori commenti. Sarà probabilmente lo stesso Corona a intervenire sull'argomento:

Su tutto quello che è stato scritto oggi: parlerò e vi dirò la mia, con il cuore. Senza urlare, senza sbraitare. Con l'intelligenza di chi lascerà un segno nella storia di questo Paese.

Nina Moric contenta della sentenza

In una delle Stories pubblicate, vediamo inoltre Corona parlare al telefono con Nina Moric, la ex moglie che è tornata dalla sua parte e che si è detta contenta della sentenza che ha bloccato il rientro in prigione. Nina lo aveva già difeso alla vigilia della sentenza, in un'affermazione rilasciata al programma tv La repubblica delle Donne di Piero Chiambretti: "Credo che Fabrizio questa volta non si meriti assolutamente questo".

La decisione del Tribunale

Corona non corre dunque il rischio di tornare in carcere. Non solo il Tribunale di sorveglianza di Milano non ha accolto la richiesta, da parte della procura generale di revocare l'affidamento terapeutico all'ex re dei paparazzi, ma i giudici hanno anche lodato il percorso di Corona sia sul fronte della dipendenza da cocaina sia su quelli personale e famigliare. Da poco, infatti, lui e la Moric hanno trovato un accordo per l'affido condiviso del loro figlio, Carlos.