23 Dicembre 2018
23:46

Francesco Chiofalo, dopo l’annuncio della malattia ringrazia per l’affetto: “Sono senza parole”

Con un breve messaggio su Instagram, Francesco Chiofalo ringrazia fan e seguaci che in queste ore gli hanno dimostrato grande solidarietà, in seguito all’annuncio della malattia. Il volto televisivo ha rivelato in un video di avere un tumore al cervello, che lo costringerà ad operarsi a gennaio.

Sono passate poche ore da quando Francesco Chiofalo ha raccontato della sua malattia. Il volto televisivo ha appreso solo nelle scorse ore di avere un tumore al cervello, scoperto dai medici mentre svolgeva alcuni esami dopo un lieve incidente stradale. Un video straziante, in cui Chiofalo non riesce a nascondere in alcun modo un misto di paura, rabbia e avvilimento determinati naturalmente da una notizia che gli ha cambiato la vita. In queste ore sono molte le manifestazioni di solidarietà giunte a lui tramite i social network, attraverso i quali seguaci e conoscenti hanno tentato di trasmettergli sostegno e appoggio. Manifestazione alle quali Chiofalo ha voluto dire grazie a modo suo, con poche parole:

Non mi sarei mai aspettato tutto questo affetto, grazie per essermi vicino in un momento così triste per me. Sono senza parole, non avrei mai immaginato tutto questo amore.

Non si scoraggia, quindi, e prova a trarre forza dall'affetto e dal sostegno che gli sta arrivando in questo momento. Nessun riferimento alla ex compagna Selvaggia Roma, finita al centro di polemiche alimentate da molti che non hanno apprezzato il suo silenzio in merito alle condizioni di Chiofalo.

Francesco Chiofalo annuncia di avere un tumore

Come un fulmine a ciel sereno, Francesco Chiofalo ha rivelato a fan e seguaci della sua pagina Instagram una drammatica notizia:

Premetto che con questo video non voglio fare pena a nessuno e non sto scherzando. C'è stato un incidente un po' di giorni fa e sono andato al pronto soccorso, un piccolo incidente stradale. Sono andato lì per farmi refertare, avevo un labbro gonfio e avevo preso un piccolo colpo in testa, niente di grave. Mi visitano, mi fanno tutti i controlli necessari e poi mi lasciano in sala di attesa. Lì si avvicina un dottore che mi dice di aver trovato nel mio cervello una macchia molto grossa. Mi chiedono se ne sapessi qualcosa. io non sapevo di cosa stesse parlando, no, cazzo, non ne sapevo nulla. Fanno ulteriori esami, mi trattengono lì, e scoprono che quella macchia che ho in testa è un tumore al cervello, del diametro di 5 centimetri, enorme, come una palla da biliardo. Grosso quanto una cazzo di palla da biliardo. Ho scoperto di essere malato di tumore al cervello a 29 anni. Un tumore al cervello gigantesco. Dovrò suubito operarmi dopo le feste di Natale, per provare a levarlo. I dottori mi hanno detto che l'operazione durerà 18 ore, e bisogna considerare che dopo 10 ore un'operazione viene considerata rischiosa. L'operazione ha l'80% di rischi di invalidità permanente, tipo cecità, paralisi, demenza. Dovrò operarmi intorno al 7-10 di gennaio. Inutile dire che sono incazzato, che ce l'ho con il mondo. Mi chiedo perché proprio io, perché sia stato così sfortunato. Ma ormai è inutile, è così, sono fregato, devo farla per forza, per quanto sia pericolosa e non voglia farla, non ho alternativa […] Per Natale mi piacerebbe venisse qualcuno a dirmi che è tutto uno scherzo, che non è vero niente, ma questo non succederà mai. Scusate se in questo periodo non starò più molto sui social. Farò quello che mi sento di fare, ma sicuramente non sarò più lo stesso Francesco di prima.

Insulti a Selvaggia Roma per il silenzio sulla malattia di Francesco Chiofalo:
Insulti a Selvaggia Roma per il silenzio sulla malattia di Francesco Chiofalo: "Sono senza parole"
Francesco Chiofalo dopo l'intervento:
Francesco Chiofalo dopo l'intervento: "Ho il naso distrutto ma sto bene"
Francesco Chiofalo: “Disperato quando ho raccontato del tumore, tanto affetto mi ha sorpreso”
Francesco Chiofalo: “Disperato quando ho raccontato del tumore, tanto affetto mi ha sorpreso”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni