Intervistato da Uomini e Donne Magazine, Giorgio Manetti chiarisce i motivi che lo hanno spinto ad abbandonare il trono over di Uomini e Donne. Il gabbiano fiorentino si dice deluso dall’atteggiamento tenuto nei suoi confronti da una parte del pubblico e da Gianni Sperti, opinionista della trasmissione: “Il mio dispiacere più grande è stato quello di non essere riuscito a comunicare la mia filosofia di vita al pubblico in studio e a uno degli opinionisti. La gente a casa mi ha capito, in trasmissione invece si era creato un clima per me incomprensibile e di malafede. Uno degli opinionisti all’improvviso è diventato astioso e acido nei miei confronti. L’ho trovato strano perché prima tra noi c’era un buon rapporto, non ho capito cosa sia successo”.

Che tipo di donna cercava il gabbiano

Giorgio manifesta ancora una volta di avere le idee chiare in merito a quanto cercava dalla trasmissione: “Nello studio ho sempre palesato le mie idee senza ipocrisia, ho detto che non volevo donne con figli, tatuate, bevitrici, donne vestite con minigonne vertiginose…. insomma, ho portato avanti i valori in cui credevo e, dalla percezione che ho avuto, mi sembrava quello che cercavo fosse fuori dal mondo, un reato, un crimine. Ho portato avanti le mie idee e inizialmente confrontarmi con il pubblico era costruttivo, un piacere. Ma, a un certo punto, ho visto della malafede e allora no, non mi è andato più bene. Non sono un burattino e mi sono sentito un pesce fuor d’acqua. Ci sono stati alcuni episodi nel corso della scorsa stagione che, uno dopo l’altro, mi hanno indotto a prendere questa decisione”.

Voleva andare via già durante la scorsa stagione

Infine, Manetti rivela di avere maturato l’idea di tornare a casa già durante la scorsa stagione del dating show, quando le liti con Sperti erano diventate più aspre e sempre più frequenti. Sarebbe rimasto in trasmissione per rispetto nei confronti di Maria De Filippi. Nega, inoltre, di dovere alcunché all’ex compagna Gemma Galgani: “Durante le ultime registrazioni, venivo attaccato ogni volta che aprivo bocca. Non riuscivo più a gestire quella cattiveria, ero molto a disagio. Se non ci fossero state Maria in studio e Lucia (una professioniste in redazione, ndr) fuori dallo studio non sarei rimasto così a lungo, sarei andato via prima. Speravo cambiasse il vento ma… niente da fare. Poi nell’ultima puntata c’è stato un duro scontro con una signora del pubblico, determinata a ribadire che io avevo trattato male Gemma: faceva un gesto non carino e ripeteva “Business! Business!“, mentre un’altra gridava “Vai a casa!” e, in tutto questo, Gianni mi diceva che non potevo trattare il pubblico così. In quel momento ho capito che non c’era più ragione di prendere parte al programma. Mi sono sentito dire che devo tutta la mia popolarità a Gemma, ma io mi sento di ringraziare solo Maria che mi ha permesso di portare me stesso nel programma. Mi sono sempre comportato con educazione, rispetto, umiltà, come se ogni puntata significasse entrare nel salotto privato di Maria”.