27 Ottobre 2015
18:10

Giovanna Mezzogiorno: “Basta figli e pancioni in mostra, è mercificazione disgustosa”

Intervenuta all’Expo di Milano, l’attrice e mamma di due gemelli si è scagliata con molta durezza contro le star che tendono a mettere in mostra i propri bambini e le gravidanze su giornali e social: “Odio questa continua mercificazione del corpo e della maternità, è disgustoso usare i figli per salire di notorietà”.
A cura di Valeria Morini

È una Giovanna Mezzogiorno durissima quella intervenuta all'Expo di Milano e intervistata dal Corriere della Sera, che si è scagliata con forza contro le donne che mettono "in mostra" figli e gravidanze sui social network e sui media in generale. Pur senza fare i nomi, la pluripremiata star di "L'ultimo bacio" e "I nostri ragazzi" sembra rivolgersi direttamente a tante colleghe del mondo dello spettacolo. In effetti, per la maggior parte delle attrici, modelle e showgirl quello di pubblicare foto dei propri bambini, ma anche dei pancioni durante la dolce attesa, sembra un trend in continuo aumento. La vita privata dei vip non è più semplicemente "spiata" dai giornali di gossip, ma direttamente servita all'attenzione (e, talvolta, al voyeurismo) degli utenti dalle stesse star, tra un post su Facebook, un cinguettio e uno scatto su Instagram. Un'abitudine che la Mezzogiorno definisce addirittura "disgustosa".

Provo orrore, ma veramente orrore furibondo per quella che da madre mi sento di definire la continua, quotidiana, martellante mercificazione del corpo e della maternità sia sui social network sia sulle copertine dei giornali. È una cosa disgustosa, i figli vengono considerati come uno status e usati per prendere punti.

La gravidanza, secondo l'attrice, verrebbe spesso usata addirittura come un "bottino" da parte della star, per incrementare la propria popolarità.

Viene pubblicizzata in continuazione perché comunque intenerisce, incuriosisce, crea seguito. Il bottino preso serve per salire di notorietà – non di successo, di notorietà, sono cose ben diverse.

L'appello della Mezzogiorno: "Tenete i vostri figli al riparo"

L'indignazione della star si scontra anche con la mania a tutti costi di tornare perfette subito dopo il parto, un altro argomento che negli ultimi tempi suscita molto dibattito. Ancora una volta, la Mezzogiorno parla espressamente di mercificazione.

La gravidanza è passata e non deve lasciare tracce, dopo due settimane ci si mostra in forma perfetta! Ma perché? Io sono stata uno straccio per due anni! Ora non dico che tutti debbano fare la mia fine che non è da prendere ad esempio. Però davvero questa mercificazione, della femminilità, del rapporto con i figli, questo usare i figli, è qualcosa che non posso più sopportare. Tenete i vostri ragazzi al riparo.

L'attrice racconta la sua maternità: "Ho pianto per 7 mesi"

L'attrice ha parlato molto della sua esperienza personale. Nel 2011 è diventata mamma di due gemelli, Zeno e Leone, avuti dal marito Alessio Fugolo. Un'esperienza tutt'altro che facile:

È stata difficile, la maternità. Vissuta molto in solitudine perché non ho avuto aiuti. Come molti gemelli i miei figli sono nati prematuri, quindi sono stati in terapia intensiva neonatale a lungo. Lo prevede la legge. Poi sono venuti a casa ed è partito un cammino difficile. Per i gemelli viene richiesta un’alimentazione particolare per cui se per un bambino una madre deve prendere più o meno 9 chili, per due ho dovuto prenderne 20. Già questo è avvilente. Ma non perché io volessi essere bella, perché dovevo mangiare sei volte al giorno che è una cosa tremenda: piangevo in quei 7 mesi, non ce la facevo più.

Amadeus:
Amadeus: "Natale è stare con Giovanna e i miei figli, l'amore è dove ci sono loro"
Ilaria D'Amico in bikini mostra il pancione, la futura mamma è al mare senza Buffon
Ilaria D'Amico in bikini mostra il pancione, la futura mamma è al mare senza Buffon
Pamela di Non è la Rai, cresce il pancione per la seconda gravidanza
Pamela di Non è la Rai, cresce il pancione per la seconda gravidanza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni