Perfino Giulia De Lellis scende in campo per difendere Raffaella Mennoia, autrice di Uomini e Donne. La più seguita tra i personaggi usciti dal dating show difende a spada tratta la trasmissione condotta da Maria De Filippi e la redattrice che firma il format e che da tempo è il volto dello staff del programma. De Lellis sostiene che le accuse che alla Mennoia sono state rivolte sarebbero solo sciocchezze:

Mi sta capitando di vedere e sentire cose orrende su persone e su un programma che mi ha cambiato la vita. Vi assicuro che io non ho avuto raccomandazioni o spinte. Per favore, non credete a queste cose. Io non smetterò mai di ringraziare le persone che lavorano all’interno di quel programma, mi hanno cambiato la vita e tuttora ne fanno parte. Mi fa veramente sorridere sentire queste cose, sorridete anche voi, non stateci troppo dietro perché sono cose stupide. Quello che conta è che loro hanno regalato l’amore a tantissime persone, si sono presi cura di tanti ragazzi e ci hanno dato un futuro diverso. Basta perdere tempo dietro a queste cavolate. Raffy (Raffaella Mennoia, ndr) è straordinaria, lo è tutto il team di Uomini e Donne. Basta guardare quello che i ragazzi usciti dal programma stanno vivendo per rendersi conto della bellezza del programma.

Teresa Cilia promette di vuotare il sacco

Teresa Cilia, ex tronista del programma, ha duramente attaccato la Mennoia. L’ha accusata di condizionare le sorti del programma, di essere a conoscenza dei fidanzamenti pregressi di tronisti e corteggiatori sui quali resterebbe in silenzio per motivi di opportunità. Teresa l’ha perfino accusata di avere intrattenuto un legame con Jack Vanore, ex fidanzato della Mennoia, già dai tempi in cui il giovane era tronista a Uomini e Donne.

La Mennoia ha smesso di rispondere

Dopo avere ventilato l’ipotesi di difendersi sotto il profilo legale, la Mennoia ha smesso di rispondere a Teresa e a Mario Serpa. Sul profilo Instagram di Uomini e Donne, però, è comparso un messaggio firmato anche a nome di Maria De Filippi. Si tratta di un monito pubblicato allo scopo di frenare le polemiche. Nè Teresa né Mario, però, sembrerebbero disposti a seppellire l’ascia di guerra.