I love shopping…di lusso. Potrebbe fare da ispirazione a un nuovo capitolo della saga di Sophie Kinsella il servizio che mostra Guendalina Canessa spendere più di 14 mila euro in scarpe e borse di lusso, precisamente 14692 euro in circa 15 minuti. È il contenuto di un servizio trasmesso nell’ultima puntata di Pomeriggio5, un’impresa che ha generato forte dibattuto in studio. Guendalina non ha fatto una piega. Per lei la moda è arte: “Amo il lusso e il lusso costa. Ho una figlia che erediterà delle cose. Io compro moda”.

La Canessa rivendica il diritto di spendere i suoi soldi

Ma è vero che hai bruciato tutti i suoi soldi?” le ha chiesto Barbara d’Urso in studio. Nemmeno in quel caso la Canessa si è sottratta, rivendicando il diritto di decidere in che modo spendere i suoi soldi: “Io brucio i miei soldi. Se lavoro e guadagno spendo tutto. Il bello è che io brucio i miei soldi, non li chiedo a mio padre o al mio uomo che non ho. Quando compro penso a mia figlia Chloe che spero abbia il mio stesso numero di scarpe in modo da poterle indossare un giorno. Per me la moda è arte. Come la gente acquista quadri di Picasso, io compro la moda, acquisto scarpe e borse che lascerò un giorno in eredità a mia figlia”.

È figlia di un imprenditore nel settore della moda

La passione della Canessa per la moda affonda le radici nel suo passato. Ex concorrente del Grande Fratello, entrò nella Casa più spiata d’Italia da giovane donna proveniente da una nota e benestante famiglia fiorentina attiva nel settore tessile. Il padre è fondatore di un marchio che si occupa della produzione di capi in cashmere. La sorella di Guendalina, Guya, ha invece lavorato per Vogue. Subito dopo gli studi e la laurea triennale ottenuta presso il Polimoda di Firenze, si trasferì a Parigi dove cominciò a lavorare per l’ufficio stampa di Ballantyne, altro marchio noto nell’industria tessile.