Brutte notizie per l'attrice Gwyneth Paltrow. La bionda star è stata denunciata da un medico dello Utah, tale Terry Sanderson, per un incidente avvenuto a febbraio del 2016 su una pista sciistica per principianti del Deer Valley Resort, a Salt Lake City.

Le pesanti accuse rivolte a Gwyneth Paltrow

Alla protagonista di "Shakespeare in Love" sono state mosse delle accuse molto pesanti. All'attrice è stato infatti imputato un mancato soccorso all'uomo, il quale sostiene di essere stato travolto dalla Paltrow, che stava sciando a suo dire in modo del tutto incontrollato, e di essere stato lasciato a terra sofferente: "La Paltrow era fuori controllo, tanto che mi ha colpito alle spalle. Poi si è alzata, si è voltata e ha ripreso a sciare lasciandomi senza parole, a terra nella neve e seriamente ferito".

Le dinamiche dell'incidente

Nello scontro, il 72enne, secondo quanto dichiarato dalla difesa della vittima, ha riportato molte ferite: quattro costole rotte, deformazioni estetiche, e un trauma permanente al cervello. Oltre che danni fisici, al 72enne gli sono stati diagnosticati anche traumi psicologici quali dolore, sofferenza, perdita della voglia di vivere e stress. Per questo, Sanderson ha chiesto un risarcimento pari a 3,1 milioni di dollari (2,7 milioni di euro circa).

Il silenzio dell'attrice

Per adesso la 46enne attrice hollywoodiana ha preferito non esprimersi sull'accaduto e restare in silenzio, anche se un suo rappresentante legale ha recentemente dichiarato: "Questa storia è completamente senza fondamenta. Chiunque legga i fatti lo capirà, non ha nessun valore". Nella causa, oltre a Gwyneth Paltrow, sono stati citati anche il suo istruttore Eric Christiansen, che era con l'attrice al momento dell'incidente, e due impiegati del Deer Valley Resort, dei quali però non è stata rivelata l'identità.