Da anni circolano voci su una presunta omosessualità dell'attore Hugh Jackman. Anche se i più pensano si tratti di una malignità per via del matrimonio con Deborra-Lee Furness, che ha 13 anni in più di lui, è stata proprio quest'ultima a intervenire direttamente sull'argomento con grande ironia.

Le parole della moglie di Hugh Jackman

Insomma, per un arcano pregiudizio ad alcuni sembra impossibile che l'aitante attore australiano 51enne sia sposato dalla bellezza di 24 anni con la collega 64enne, tanto da parlare da tempo di "matrimonio di copertura". Per fortuna lei non fa più caso alle voci e nel corso di un'intervista alla trasmissione australiana della Abc "Anh’s Brush With Fame" ci ha scherzato su: "È gay da tanti anni", ha dichiarato tra le risate, "Lo ero anche io. Sapete quando ho fatto il film "Shame" (pellicola del 1988 su una femminista che difende una ragazza vittima di violenza, ndr)? Ero gay. Sono rimasti tutti scioccati quando mi sono sposata". Poi, più seriamente, ha aggiunto:

È semplicemente sbagliato. È come se qualcuno dicesse a Elton John: "Oh, è etero". Sono sicura che lui si arrabbierebbe. La gente non si rende conto, in realtà, che è scortese dire che sono "fortunata" solo perché sto con lui. Ma questo è il mondo dello spettacolo, è Hollywood e il "brand" di Hugh Jackman.

L'amore tra Hugh Jackman e Deborra-Lee Furness

Quello tra gli attori è anzi uno degli amori più longevi del cinema di Hollywood, forse perché i due sono provengono letteralmente dagli antipodi della Mecca del cinema. Entrambi sono australiani, nativi di Sydney (lui è di origini inglesi, lei è cresciuta a Melbourne). Se Jackman è diventato una celebrità ben oltre i confini della nazione oceanica, soprattutto grazie al ruolo di Wolverine nella saga degli X-Men, la Furness è nota soprattutto in patria (ha recitato tra l'altro con Meryl Streep in "Un grido nella notte"). L'idillio tra i due colleghi è sbocciato nel 1995 sul set della serie "Correlli", dove lei era la protagonista e lui recitava in uno dei suoi primi ruoli. Si sono sposati l'anno successivo. Dopo aver vissuto il dramma di due aborti spontanei, hanno adottato due figli: Oscar Maximilian (nato nel 2000) e Ava Elliott (del 2005).