Rodrigo Alves ha confessato in un’intervista al Mirror il desiderio di sottoporsi a un intervento di rimozione dei genitali. Conosciuto in tutto il mondo come il Ken umano, ha deciso di smettere di tacere la verità circa la sua sessualità. In realtà, non avrebbe mai sentito di appartenere al genere maschile:

Sono conosciuta come Ken ma dentro mi sono sempre sentita come Barbie. È fantastico dire finalmente al mondo che sono una ragazza. Finalmente mi sento la vera me. Affascinante, bella e femminile. Per anni ho provato a vivere la mia vita da uomo. Avevo messo anche dei finti addominali, avevo i muscoli di silicone sulle braccia ma mentivo a me stessa. Sono una donna e ho sempre avuto un cervello femminile. Ora il mio corpo si adatta alla mia mente. A porte chiuse vivo come una donna da mesi, ma sono uscito allo scoperto da poco.

L’intervento per la rimozione dei genitali

Rodrigo, che si è già sottoposto a decine di interventi chirurgici per assecondare il suo desiderio di perfezione fisica, dovrebbe fare a breve l’intervento definitivo: “Presto farò rimuovere i miei genitali, tutto, anche i testicoli. Quello sarà il passo finale. Prima mi farò mettere protesi mammarie al silicone, credo entro fine mese. Presto sarò in grado di indossare abiti che mostrano la mia scollatura. Sono molto emozionata”. Emozionato, si è detto felice del nuovo percorso intrapreso:

Subirò diversi interventi chirurgici di femminilizzazione. Sarà un’incisione nella parte superiore del mio cuoio capelluto, e attraverso ciò il dottore rimodellerà la mia fronte, mi farà un lifting degli occhi, un lifting delle labbra e un lifting della parte centrale del viso. Farò anche rimuovere il pomo di Adamo, modificherò la mascella e il mento.

Rodrigo Alves non aveva mai definito il suo genere

Nemmeno in passato, Rodrigo aveva definito il suo genere sessuale, confermando in quell’occasione che l’idea di diventare donna lo aveva già sfiorato in più occasioni. Adesso ha deciso di uscire allo scoperto e intraprendere un percorso di transizione serio che lo porterà a passare dal genera maschile al femminile anche fisicamente:

Adesso le persone sono più consapevoli di cosa significhi essere transgender. Spero solo che le persone possano accettarmi come donna e non giudicarmi o ridicolizzarmi. Questo non è un capriccio. Mi è stato diagnosticato un disturbo dismorfico di genere e mi è stata data la possibilità di iniziare le cure appropriate per la transizione. Mia sorella ha detto che spera che io assomigli a lei adesso che sono una donna.