A volte la stampa può essere implacabile, soprattutto quella scandalistica che arriva a diffondere illazioni più che notizie vere e proprie, ed è quello che in sostanza il Principe Harry ha rivendicato in un lungo comunicato pubblicato nella notte del 1 ottobre, in cui difende a spada tratta la moglie, Meghan Markle, che da mesi ormai è diventata un bersaglio della stampa britannica.

La lettera pubblicata dai media britannici

È un avvenimento senza precedenti nella storia della casata reale, nemmeno quando Lady D occupava le prime pagine dei giornali, i Windsor hanno deciso di esporsi così tanto. I Duchi di Sussex stavolta hanno reagito alla prevaricazione della stampa, che noncurante dell'invadenza e della prepotenza dei suoi mezzi è entrata nella vita dei reali inglesi senza tener conto delle conseguenze psicologiche ed emotive che un tale assedio mediatico può provocare. La cosiddetta goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la pubblicazione da parte del Mail On Sunday e del gruppo Associated Newspaper di una lettera privata che Meghan Markle avrebbe scritto al padre Thomas. L'intero comunicato (pubblicato sul sito www.sussexofficial.uk ) è dedicato totalmente all'attrice statunitense, che nella sua nuova veste di duchessa di Sussex è stata travolta dagli obiettivi dei fotografi e colpita dalle parole, talvolta ingiuriose, dei giornalisti:

In coppia crediamo nella libertà dei media e in rapporti oggettivi e veritieri. Lo consideriamo una pietra miliare della democrazia e nello stato attuale del mondo – a tutti i livelli – non abbiamo mai avuto più bisogno di media responsabili. Sfortunatamente, mia moglie è diventata una delle ultime vittime di una stampa scandalistica britannica che conduce campagne contro individui senza pensare alle conseguenze: una campagna spietata che si è intensificata nell'ultimo anno, durante la sua gravidanza e mentre cresceva il nostro figlio appena nato. C'è un costo umano per questa implacabile propaganda, in particolare quando è consapevolmente falso e malizioso […]. Fino ad ora, non siamo stati in grado di correggere le continue false dichiarazioni – qualcosa di cui questi media selezionati sono stati a conoscenza e quindi sfruttati su base giornaliera e talvolta oraria.

Il ricorso ad azioni legali

Tanta sofferenza e sopportazione è così sfociata in un attacco legale, come dichiarato dalla casata reale che ha avviato dei procedimenti giudiziari non soltanto contro i giornali su citati che hanno pubblicato, violando la privacy, la lettera scritta da Meghan Markle, ma anche contro altre testate che in questi mesi hanno elaborato false notizie sul conto della coppia reale, elogiandola quando lo ritenevano opportuno (come per il viaggio in Africa con il piccolo Archie, ancora in corso) e infangandola con il gossip più dozzinale, pur di parlarne:

È per questo motivo che stiamo intraprendendo azioni legali, un processo che è stato avviato da molti mesi. La copertura positiva della scorsa settimana di queste stesse pubblicazioni mostra i doppi standard di questo specifico pacchetto stampa che l'ha diffamata quasi quotidianamente negli ultimi nove mesi; sono stati in grado di creare bugie su bugie a sue spese semplicemente perché non è stata visibile durante un congedo di maternità. È la stessa donna che era un anno fa il giorno del nostro matrimonio, così come è la stessa donna che avete visto in questo tour in Africa. Per questi media selezionati questo è un gioco che non siamo stati disposti a giocare dall'inizio. Sono stato un testimone silenzioso della sua sofferenza privata per troppo tempo. Stare indietro e non fare nulla sarebbe contrario a tutto ciò in cui crediamo.

Il figlio di LadyD contesta l'utilizzo fuorviante che i media britannici hanno fatto nel corso di questi mesi, della vita privata della sua Meghan, che è stata gettata in pasto ad una platea che non è in grado di discernere quanta verità ci sia dietro le parole e i racconti riportati da alcune testate e che, quindi, crea un'immagine fasulla e inevitabilmente negativa della Duchessa di Sussex.