1 Giugno 2017
16:39

Jaden Smith furioso con l’hotel Four Seasons: “Hanno contaminato i miei pancake”

Sfuriata social del figlio di Will Smith contro il Four Seasons di Toronto. Il motivo? Gli sono stati serviti dei pancake al formaggio, ma il giovane attore è vegano.
A cura di Valeria Morini

Jaden Smith ne combina un'altra delle sue e torna ancora una volta a far parlare il web. Il figlio degli attori Will Smith e Jada Pinkett continua a rubare la scena dei noti genitori, almeno sul piano mediatico. Mentre il padre rientrava dal Festival di Cannes 2017, dov'è stato tra i membri della giuria, l'erede 18enne alloggiava presso il lussuoso Hotel Four Seasons di Toronto. Qualcosa nel servizio del prestigioso albergo non lo ha però soddisfatto, spingendolo a una sfuriata su Twitter senza precedenti.

Il Four Seasons di Toronto ha contaminato i miei pancake con del formaggio, sono sorpreso di essere ancora vivo. Spero mi mettano nella lista di chi non può più pernottare qui. Mi hanno fatto venire voglia di vomitarmi addosso.

Qual è il motivo che ha provocato il divorzio tra il giovane Smith e una delle catene alberghiere più importanti al mondo, dal momento che il formaggio è un ingrediente tutt'altro che inusuale nella tipica crêpe americana? Semplicemente, come molte celebrità di Hollywood, Jaden è vegano. Il figlio d'arte aveva suscitato scalpore solo poche settimane fa per il suo curioso red carpet al Met Gala, quando aveva sfilato tenendo in mano lo scalpo dei suoi rasta tagliati poco prima.

Il motivo per cui Jaden Smith ha portato lo scalpo dei suoi dreads al Met Gala
Il motivo per cui Jaden Smith ha portato lo scalpo dei suoi dreads al Met Gala
Tra Jaden Smith e Sarah Snyder è finita, il figlio di Will Smith è tornato single
Tra Jaden Smith e Sarah Snyder è finita, il figlio di Will Smith è tornato single
Chi è il fan che ha dedicato ai Maneskin una cover improvvisata di Beggin'
Chi è il fan che ha dedicato ai Maneskin una cover improvvisata di Beggin'
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni